Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

La richiesta inviata tramite il sito è informativa oppure si tratta di una richiesta vera e propria?

PrestitiOnline.it fornisce a chiunque abbia bisogno un prestito un servizio gratuito e tanti strumenti di calcolo per i prestiti, grazie ai quali individuare la soluzione più adatta alle proprie esigenze. Inoltre, il servizio di PrestitiOnline.it fornisce anche il vantaggio di avere a disposizione un servizio clienti imparziale che offre un ulteriore supporto agli utenti nel comprendere meglio i particolari delle diverse offerte, fornendo informazioni, chiarimenti e assistenza.

I parametri e gli strumenti per il confronto

Sulla pagina di ricerca del sito si possono quindi inserire i parametri del finanziamento di cui si ha bisogno, visualizzando subito una lista delle migliori offerte di prestiti che si possono ottenere dai diversi istituti di credito, al fine di individuare quello che si conforma meglio alle proprie esigenze e disponibilità. I parametri che si prendono in considerazione e per cui si possono diversificare i vari prestiti sono:

  • L’importo del prestito: oltre che comprendere la somma richiesta dal cliente, sono compresi anche gli oneri direttamente collegati alla richiesta del prestito, come ad esempio le spese di istruttoria o i costi legati alla stipulazione di un eventuale contratto di assicurazione;
  • La durata del prestito: che influenzerà anche il piano di ammortamento, ossia l’importo e il numero di rate;
  • La finalità del finanziamento;
  • La possibilità/necessità o meno di stipulare anche un contratto di assicurazione: alcuni istituti di credito potrebbero porre come condizione per ottenere un prestito la stipulazione di un contratto assicurativo per tutelarsi da un’eventuale insolvenza da parte del richiedente;
  • La propria data di nascita: alcuni istituti finanziari potrebbero concedere con più o meno facilità un prestito che abbia una determinata finalità a un cliente che abbia una certa età piuttosto che un’altra;
  • Il tipo di impiego del richiedente e da quanto tempo lo si riveste: rappresenta uno dei parametri fondamentali che le banche valutano al fine di valutare la solvibilità del richiedente e quindi se concedere o meno il prestito, in quanto permette di determinare se il suo reddito sia sufficiente a garantire il rimborso del finanziamento nel tempo.

Inoltre, tra gli strumenti che il servizio di PrestitiOnline.it mette a disposizione si può ad esempio effettuare il calcolo della rata del prestito, definire il piano di ammortamento o calcolare il TAEG del proprio finanziamento, e capire quanto si può chiedere in prestito data la capacità di risparmio. Attraverso il servizio offerto da PrestitiOnline.it il cliente potrà avere una chiara idea delle condizioni generali e sui vari aspetti contrattuali, potendo quindi fare calcoli adeguati sulla convenienza di un prestito prima di inviare qualsiasi richiesta, cosa che invece non sarebbe possibile fare se si rivolgesse direttamente ad un istituto finanziario.

Come procedere alla richiesta del miglior prestito

Una volta effettuato il confronto tra le diverse opzioni e stabilito quale risulti essere la più conveniente, l’utente potrà inviare all’istituto di credito scelto la richiesta di prestito tramite il sito: essa risulta essere una richiesta a tutti gli effetti. La particolarità è che si tratta di una richiesta non impegnativa nei confronti dell'Istituto, in quanto non è stato ancora stipulato alcun contratto. Questo servizio permette quindi di poter confrontare meglio i particolari delle diverse offerte, allo scopo di permettere agli utenti di individuare quale possa essere la soluzione di prestito realmente più conveniente in relazione alle loro disponibilità ed esigenze, senza però doversi impegnare e potendo quindi decidere in un momento successivo se procedere effettivamente o meno e senza dover sostenere alcun costo o essere soggetti ad alcun vincolo nel frattempo. 

È però consigliabile non presentare contemporaneamente più richieste di finanziamento attraverso diversi canali o direttamente presso altri istituti. Ogni richiesta viene infatti registrata presso le Centrali Rischi, le quali vengono consultate da tutti gli istituti per valutare le richieste di prestito che ricevono: di conseguenza, se si fanno contemporaneamente più richieste a diversi istituti, questi potranno vedere tutte le richieste che si sono messe in atto e decidere con molta probabilità di rifiutare quella dell’utente, per il dubbio che quest’ultimo stia tentando di ottenere troppi prestiti contemporaneamente e che la concessione del finanziamento che questi ha chiesto diventi un’operazione a rischio.

L'iter per l'approvazione del finanziamento

In caso di preapprovazione il cliente ha la certezza che il finanziamento gli verrà erogato, a patto che sottoscriva il contratto e che alleghi i documenti richiesti. Ovviamente i documenti dovranno confermare ciò che è stato dichiarato. Infatti, in seguito alla preapprovazione della richiesta di finanziamento, il richiedente avrà il diritto, senza dover sostenere costi aggiuntivi, di ottenere il modulo SECCI (Standard European Consumer Credit Information), ossia un documento che rappresenta una sorta di proposta del contratto di prestito e che contiene informazioni stabilite a livello europeo riguardanti la tipologia e l’ammontare del finanziamento, la necessità o meno di stipulare un’assicurazione, i costi derivanti dal contratto stesso e il livello del tasso di interesse applicato e gli oneri esclusi dal suo calcolo, al fine di permettere al richiedente di stabilire con esattezza tutte le condizioni del finanziamento e valutare se il prestito sia effettivamente quello più conveniente per lui. 

Una volta che il richiedente ha visionato e accettato il modulo SECCI, le informazioni contenute in questo dovranno risultare anche dal contratto di prestito definitivo stipulato dalle parti nelle modalità previste e stabilite tra di loro, pena la sua nullità. Il contratto inoltre deve prevedere anche il piano di ammortamento, ossia il numero, l’importo e la scadenza delle rate di rimborso, e vi deve essere allegato il modulo per il consenso al trattamento dei propri dati personali.

Per poter stipulare il contratto, il richiedente deve inoltre presentare una serie di documenti:

  • I cittadini italiani dovranno fornire documento d'identità valido e il Codice Fiscale, i cittadini UE la carta d’identità, un certificato di residenza contestuale e l’attestazione di regolarità di soggiorno o attestazione di iscrizione anagrafica, mentre i cittadini extracomunitari dovranno presentare un documento di soggiorno;
  • I lavoratori dipendenti dovranno presentare la loro busta paga ed eventualmente il CUD, i pensionati l’ultimo cedolino ricevuto dall’ente previdenziale, mentre i lavoratori autonomi devono fornire l’ultima dichiarazione dei redditi il modulo F24 attestante i pagamenti e il certificato di attribuzione della partita IVA.

Una volta presentati tutti i documenti necessari, il richiedente e l’istituto potranno stipulare il contratto definitivo e solo a questo punto il primo avrà il diritto a ricevere la somma prevista attraverso le modalità stabilite dal contratto stesso. Solitamente le somme vengono erogate attraverso un assegno circolare o con un bonifico bancario sul conto corrente del richiedente.

Domande correlate