Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Boom di prestiti richiesti dalle famiglie

Hanno in media tra i 45 e i 54 anni e sono titolari di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Sono coloro che più richiedono prestiti in Italia. Nel mese di aprile sono aumentate le richieste di prestiti nel nostro Paese. A guidare la classifica sono le regioni del Nord.

Pubblicato il 10/05/2021
Nel mese di aprile sono aumentate le richieste di prestiti

Famiglie 'a caccia' di prestiti. È lo spaccato che emerge dall’analisi effettuata dal Sistema di informazioni creditizie del Crif. Nel mese di aprile sono aumentate, infatti, le richieste di prestiti da parte degli italiani. A presentare il segno più sono sia i prestiti personali che prestiti finalizzati. Sono soprattutto questi ultimi ad andare per la maggiore: le famiglie sono tornate, rispetto ai mesi di lockdown totale, ad affrontare le spese con il supporto dei finanziamenti.

I richiedenti hanno in media un’età compresa tra i 45 e i 54 anni. A spingere il piede sull’acceleratore ci sono, però, anche i trentenni. Sono in particolare i lavoratori a tempo indeterminato a richiedere un prestito; a seguire ci sono gli autonomi e i pensionati. Si piazzano ultimi in classifica coloro che hanno un contratto a tempo determinato e soprattutto i liberi professionisti.

Prestiti personali e finalizzati: le differenze

I prestiti personali sono i finanziamenti più gettonati nel nostro Paese. Questi prodotti di credito al consumo presentano un tasso di interesse fisso e un piano di ammortamento a rate costanti. Il prestito personale appartiene alla classe dei prestiti non finalizzati, ossia quei finanziamenti che non sono legati all’acquisto di un bene o servizio specifico.

Nella maggior parte dei casi non è necessario presentare garanzie reali per ottenere un prestito personale. Tra le forme di garanzie richieste c’è quella del fideiussore. L’obiettivo degli istituti di credito è scongiurare casi di insolvenza.

Per ottenere un prestito è necessario presentare una specifica documentazione: documento d’identità, codice fiscale o tessera sanitaria e documenti di reddito. I richiedenti devono dimostrare di poter rimborsare il prestito. I documenti possono cambiare a seconda del prestito richiesto e delle misure adottate da ciascuna banca o finanziaria.

A differenza dei prestiti personali, i prestiti finalizzati sono collegati all’acquisto di un bene o di un servizio. L’importo viene erogato direttamente all’esercente e il cliente è tenuto a precisare la finalità del prestito. In questi casi la pratica è ancora più veloce; alcuni finanziamenti vengono concessi direttamente dal punto vendita grazie alle convenzioni fatte con le finanziarie.

Si allunga il piano di rimborso

Dallo studio di Crif emerge anche un aumento dell’importo medio dei prestiti richiesti dalle famiglie italiane. In totale, sia per quanto riguarda i prestiti personali che quelli finalizzati, le richieste presentano un ammontare medio di circa 9mila euro. Meno della metà delle richieste, invece, presenta un importo più basso di 5mila euro.

L’importo medio di un prestito personale (13.113 euro) è maggiore rispetto a quello di un prestito finalizzato (7.017 euro). A crescere, oltre all’importo medio, c’è anche il piano di rimborso, che tende ad allungarsi. L’intento delle famiglie è far sì che tali finanziamenti non abbiano ricadute sul proprio budget. Si richiedono prestiti ma si prova a non far pesare più di tanto tale decisione sull’economia familiare.

Secondo quanto emerge dall’Osservatorio di PrestitiOnline.it, nel primo trimestre del 2021 la durata di un prestito è in media di 5 anni. Nei mesi gennaio-marzo, inoltre, ad avere la meglio sono stati soprattutto i prestiti con un importo medio compreso tra i 5.000 e i 10.000 euro; al secondo posto i finanziamenti di importo compreso tra i 2.500 e i 5.000 euro.

Il Nord in cima alla classifica

Sono soprattutto le regioni del Nord Italia a guidare la classifica per il maggior numero di richieste di prestiti. L’Osservatorio di PrestitiOnline.it rivela, infatti, che nel primo trimestre del 2021 il 47,2% delle domande arriva dall’Italia Settentrionale. Al secondo posto il Sud Italia con il 31,1%; a seguire il Centro con il 21,7%.

A cura di: Tiziana Casciaro

Scopri le offerte

Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.