Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Superano i 15 miliardi di euro le garanzie emesse da Sace

Sono arrivate a 15,3 miliardi di euro le garanzie emesse nell’ambito di Garanzia Italia, strumento di Sace ideato per supportare le imprese italiane colpite dalla pandemia. 7,8 miliardi di euro del totale fanno riferimento alla procedura ordinaria prevista dal Decreto Liquidità.

Pubblicato il 09/10/2020

Sono arrivate a 15,3 miliardi di euro le garanzie emesse nell’ambito di Garanzia Italia, lo strumento di Sace ideato per supportare le imprese italiane colpite dalla pandemia. In totale si contano 677 operazioni.

Ben 7,8 miliardi di euro del totale fanno riferimento alla procedura ordinaria prevista dal Decreto Liquidità, che riguarda i finanziamenti in favore di imprese di grandi dimensioni, con oltre 5.000 dipendenti in Italia o con un valore del fatturato superiore agli 1,5 miliardi di euro.

Arrivano, inoltre, a 7,5 miliardi di euro circa i volumi complessivi garantiti in procedura semplificata, a fronte di 673 richieste di garanzia gestite ed emesse tutte entro 48 ore dalla ricezione attraverso la piattaforma digitale. A tale sistema risultano accreditate oltre 250 banche, istituti finanziari e società di factoring e leasing. Ad annunciarlo è la task force composta da Ministero dell’Economia e delle Finanze, Ministero dello Sviluppo Economico, Banca d’Italia, Associazione Bancaria Italiana (Abi), Mediocredito Centrale e Sace.

Chi ha già beneficiato di Garanzia Italia

Le garanzie di Stato sui finanziamenti concessi dalle banche possono essere richieste fino al 31 dicembre 2020 e consentono alle imprese di ottenere liquidità in tempi brevi in modo da assicurare continuità alla loro operatività nonostante l’emergenza coronavirus.

Da Nord a Sud, dalla componentistica auto all’agroalimentare, passando per l’abbigliamento, l’assistenza sociale, l’edilizia, il fai-da-te, la nautica, la meccanica strumentale, il settore turistico-alberghiero e la ristorazione collettiva: le aziende che hanno beneficiato delle garanzie sono differenti sia dal punto di vista geografico che da quello settoriale.

Le moratorie sui prestiti

Al momento risultano pervenute circa 2,7 milioni di domande o comunicazioni di moratoria sui prestiti, per un valore di 295 miliardi. Dal report di Banca d’Italia viene fuori che il 94% delle domande relative alle moratorie è stato già accolto dalle banche; il 3% è stato rigettato e la parte restante è ancora da esaminare.

Dalle informazioni raccolte dalla task force costituita per promuovere le misure a sostegno della liquidità emerge anche che le domande che giungono da società non finanziarie rappresentano il 43% del totale. Le richieste da parte delle PMI hanno riguardato prestiti e linee di credito per 157 miliardi. Sono invece 56mila le adesioni alla moratoria promossa da Abi e riguardano 15 miliardi di finanziamenti alle imprese.

Ammontano a 93 miliardi di euro le domande di prestiti delle famiglie. Si contano 215mila domande di sospensione delle rate del mutuo sulla prima casa e 524mila adesioni per le moratorie dell’Abi e dell’Assofin rivolte alle famiglie.

A presentare il segno più sono anche le richieste giunte agli intermediari per accedere al Fondo di Garanzia per le Pmi: si è giunti a 1,3 milioni richieste per un importo di finanziamenti di oltre 101 miliardi. A partire dal 17 marzo e fino al 6 ottobre le richieste di garanzie pervenute dagli intermediari al Fondo Garanzia sono in totale 1.141.519.

Le richieste, che invece riguardano le misure introdotte dai decreti Cura Italia e Liquidità, sono ben 1.135.241, per un importo totale di 87,7 miliardi di euro. Al 23 settembre - così come risulta dall’ultima rilevazione effettuata dalla task force - sono state accolte 1.131.390 operazioni, di cui 1.125.357 ai sensi dei Dl ‘Cura Italia’ e ‘Liquidità’.

La task force lavora per far sì che sia le banche che i potenziali beneficiari vengano a conoscenza delle nuove procedure di sostegno alla liquidità per far fronte all’emergenza sanitaria e per agevolarne l’utilizzo; il gruppo, inoltre, favorisce il coordinamento e lo scambio di informazioni tra le parti; individua e divulga le soluzioni più appropriate a eventuali problemi applicativi e coordina la raccolta e la diffusione dei dati sugli strumenti previsti dalla normativa.

A cura di: Tiziana Casciaro

Parole chiave

prestiti imprese prestiti famiglie garanzie

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.