Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Logo PrestitiOnline
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Così cambieranno i bonus edilizi

Per chi deve investire, a prescindere dall'ambito, non c'è nulla di peggio dell'incertezza, di un quadro di regole che cambia continuamente. Questo principio vale a maggior ragione quando si parla di interventi di un certo importo come quelli dell'edilizia.

Pubblicato il 26/01/2024
giovane donna su poltrona e scritta bonus
Come verranno stabilizzati i bonus edilizi

Nel migliore dei casi, si cambia ogni anno. Nel peggiore, come a proposito del Superbonus, le modifiche sono continue e spesso anche contradditorie tra loro. I bonus immobiliari sono tra le voci sulle quali il legislatore è intervenuto con maggiore frequenza nel corso degli ultimi anni, creando non poca confusione per chi deve programmare un investimento di una certa entità. Quanto al futuro, l’obiettivo è di stabilizzare le misure introducendo nuovi criteri di calcolo. Vediamo come.

Il riordino degli incentivi

L’orientamento del Parlamento è verso un sistema di bonus edilizi stabili nel tempo e focalizzati non più sul sistema della cessione dei crediti, che tante falle ha mostrato di avere in merito soprattutto a Superbonus e bonus facciate. L’obiettivo è di incentrare i finanziamenti pubblici diretti, da destinare comunque in modo selettivo, secondo due direttrici: aiutare i soggetti con minori disponibilità economiche e incentivare gli interventi di efficientamento energetico. Del resto, il sistema delle detrazioni spesso utilizzato fino a questo momento si adatta a chi ha già una certa capienza in sede di dichiarazione dei redditi, ma non è adatto ai percettori di redditi particolarmente bassi.

Se questo approccio andrà in porto, si tratterà di un’estensione del modello già adottato per il Fondo indigenti, varato per compensare i soggetti più deboli nel passaggio dal 110 al 90%, con l’introduzione di contributi diretti, da incassare a valle delle spese, a integrazione delle detrazioni.

Confronta prestiti per ogni finalità e risparmia fai subito un preventivo

Le tempistiche previste

Molti degli incentivi legati all’ambito edilizio scadranno alla fine di quest’anno e l’obiettivo del legislatore è di non procedere a ulteriori proroghe, bensì di fissare criteri duraturi nel tempo. Anche perché dal fronte europeo cresce la pressione per l’efficientamento degli edifici residenziali, che soprattutto in Italia sono nella stragrande maggioranza dei casi vetusti, e quindi poco efficienti dal punto di vista energetico.

In questa direzione si muove anche il Piano Nazionale Integrato Energia e Clima, che prevede l’attuazione di una riforma generale delle detrazioni basato un approccio integrato ed efficiente le opere di riqualificazione degli edifici residenziali esistenti e superi la frammentazione delle varie detrazioni ad oggi attive.

L’obiettivo è:

  • focalizzarsi sulle unità immobiliari che saranno soggette all’obbligo della direttiva Case Green;
  • garantire aliquote distribuite in un massimo di dieci anni;
  • ammettere interventi sia singoli, che di riqualificazione energetica profonda;
  • assicurare costi massimi specifici omnicomprensivi;
  • introdurre strumenti finanziari di supporto, come finanziamenti a tasso agevolato, che vadano a integrare le altre misure.

La proposta dagli operatori

Da tempo gli operatori spingono in questa direzione, lamentando la difficoltà di programmare spese importanti a fronte di una normativa che continua a cambiare. Di recente è stata messa a punto una proposta di Rete Irene (che riunisce aziende coinvolte nella promozione e realizzazione di interventi di riqualificazione energetica integrata), elaborata in collaborazione con Assocond Conafi. L’obiettivo principale è migliorare l’equilibrio tra capacità di incentivare gli interventi e l’impatto dei bonus sul bilancio pubblico. Da qui la proposta di: privilegiare la qualità degli interventi; permettere la cessione del credito a fronte del rispetto di criteri qualitativi particolarmente rigorosi, in modo da stimolare la realizzazione di interventi che abbiano un interesse non solo privato ma anche verso la collettività; applicare i controlli antifrode previsti dalla normativa. Il tutto sottolineando il contributo dato negli ultimi anni dagli interventi di efficientamento energetico alla crescita del PIL.

Anche se la prospettiva del legislatore è in parte differente, in quanto non può non tenere in considerazione anche l’impatto sui conti pubblici degli incentivi. E, per un Paese super indebitato come il nostro, ogni ulteriore esposizione va calibrata con grande prudenza.

Confronta i migliori prestiti liquidità da 10.000 euro:

TAN da 5,03, TAEG da 7,93. Importi fino a € 10.000,00 in 84 mesi. Richiesta prestito online, erogazione rapida.
logo Younited
Rata mensile € 154,13 TAEG 7,93%
Prestito Personale Younited
  • TAEG: 7,93% TAN: 5,03% (fisso nel tempo)
  • Rata mensile: € 154,13
  • Importo erogato: € 10.000,00
  • Totale dovuto: € 12.946,88
  • Gestione: Online
Tempi erogazione: 2 GIORNI
logo Crediper
Rata mensile € 155,61 TAEG 8,28%
Prestito Personale Crediper Crediper
  • TAEG: 8,28% TAN: 7,95% (fisso nel tempo)
  • Rata mensile: € 155,61
  • Importo erogato: € 10.000,00
  • Totale dovuto: € 13.085,50
  • Gestione: Online
Tempi erogazione: 2 GIORNI
logo Sella Personal Credit
Rata mensile € 156,61 TAEG 8,53%
Prestito Personale Sella Personal Credit
  • TAEG: 8,53% TAN: 8,15% (fisso nel tempo)
  • Rata mensile: € 156,61
  • Importo erogato: € 10.000,00
  • Totale dovuto: € 13.155,24
  • Gestione: Online, a dOmiciliO
Tempi erogazione: 2 GIORNI
A cura di: Luigi dell'Olio

Come valuti questa pagina?

Valutazione media: 0 su 5 (basata su 0 voti)

Scopri le offerte

prestiti personali Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
cessione del quinto Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di MutuiuOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.