Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Cinque consigli per scegliere la migliore carta di credito

Strumento importante per fare acquisti online, la carta di credito è una soluzione di pagamento comoda e sempre più sicura, visto che le banche hanno dato il via ad una serie di procedure di sicurezza che rendono più difficili le frodi. Una carta che consente di posticipare l'addebito della spesa.

Pubblicato il 19/04/2021
5 consigli per la scelta della migliore carta di credito

I pagamenti digitali sono ormai una realtà dalla quale è impossibile prescindere, resa più solida da oltre un anno di pandemia, durante la quale abbiamo imparato a fare quasi tutto online.

Una soluzione sicuramente comoda e sempre più sicura, visto che le banche hanno dato il via ad una serie di procedure di sicurezza che rendono più difficili le frodi. In questo contesto si inserisce il ruolo fondamentale della carta di credito, strumento indispensabile per pagare online e per effettuare transazioni anche presso gli esercizi fisici convenzionati.

Perché usare una carta di credito

Con una carta di credito è possibile fare acquisti e addebitare la spesa in una data futura, quindi anche se al momento non si dispone della liquidità necessaria. La principale differenza tra carta di credito e carta di debito è proprio questa, perché infatti la carta di debito consente di pagare soltanto se si hanno i fondi disponibili sul conto in quel momento.

La carta di credito svolge dunque una funzione creditizia, perché mette a disposizione un credito che può anche non avere corrispondenza nel conto.

Ma come scegliere la migliore carta di credito? Ecco 5 suggerimenti più uno per non sbagliare.

La spesa del canone

La carta di credito ha un costo, definito canone, che varia in media dai 35 ai 140 euro a seconda del tipo di banca. Generalmente le banche online offrono carte a costi più bassi, in pochi casi a costo zero, o azzerabili al verificarsi di determinate condizioni, come l’accredito dello stipendio oppure il mantenimento di una giacenza media non inferiore ad una certa soglia.

Occhio alle commissioni

Anche se il costo della carta fosse zero, occorre sempre fare attenzione agli altri costi, ad esempio le commissioni. È il caso del prelievo di contante, detto anticipo contante, che prevede una commissione che va dal 2 al 4%.

La percentuale sale se ci troviamo all’estero, perché alle commissioni di prelievo si possono aggiunge quelle di conversione valuta.

Pagare con la carta di credito non comporta invece alcun costo, salvo ancora una volta che non si sia all’estero e soprattutto nei Paesi con altre valute, perché le somme sono convertite in euro al momento del pagamento al tasso di cambio relativo alla contabilizzazione dell’operazione, che è poi quello definito in quel giorno dal circuito di appartenenza della carta.

In più si dovrà pagare una commissione aggiuntiva che varia a seconda della banca e del Paese.

Le modalità di rimborso

La carta di credito anticipa per conto del suo titolare le somme e prevede un rimborso il più delle volte a saldo, cioè in un’unica soluzione con addebito il mese successivo rispetto a quello in cui si è utilizzata la carta.

Per le carte di credito a saldo l’addebito degli importi avverrà dunque in un’unica soluzione sul conto corrente di appoggio e, nel giorno previsto dal contratto, ogni mese.

Per le carte di credito revolving, l’estratto conto mensile viene invece rimborsato a rate di importo variabile, esattamente come un finanziamento concesso dalla banca, che viene però ricostituito a ogni pagamento della rata, comprensivo di interessi e quindi molto più oneroso rispetto a una carta di credito a saldo. Per questo motivo una carta revolving ha un costo maggiore rispetto a una semplice carta di credito, in quanto quando la si usa per pagare si attiva un finanziamento (revolving) che si ricostituisce pagando rate mensili con tassi alti.

Per le carte di credito prepagate il rimborso è invece immediato, in quanto la carta viene rilasciata a fronte di un versamento anticipato di fondi effettuato all’emittente, che può essere sempre ricaricato fino a un valore massimo stabilito dall’emittente stesso.

Le condizioni di recesso

Il mercato delle carte di credito è ampio esattamente come quello di ogni prodotto bancario, riconducibile alla banca stessa. Cambiare carta è un diritto del consumatore, in qualunque momento di vita del contratto. Ecco che servirà leggere con attenzione le condizioni di recesso, perché queste comprendano ad esempio la restituzione del canone per il periodo dell’anno rimanente rispetto a quello in cui si è utilizzata la carta.

La garanzia del rimborso

Le truffe online sono all’ordine del giorno e costituiscono l’ostacolo più importante alla trasformazione digitale. Tuttavia bisogna sapere che la legge tutela dalle frodi online, sollevando il titolare della carta da ogni responsabilità: in caso di operazione non autorizzata e salvo motivato sospetto di frode, la Banca è tenuta infatti a rimborsare immediatamente al cliente l’importo dell’operazione.

Prima di scegliere la carta

Oltre i cinque consigli visti sopra che riguardano in maniera trasversale ogni tipo di carta di credito, prima di scegliere bisogna mettere in conto una serie di variabili che tengano conto del profilo dell’utente e delle sue abitudini di spesa: quante operazioni si fanno al mese, quale utilizzo si vuole fare della carta, quali sono le entrate e come si strutturano temporalmente. E ancora, se si viaggia molto o si avesse intenzione di farlo in futuro, se si acquista prevalentemente online o si abita in un piccolo o in un grande centro.

Una valutazione quindi globale, che porterà a mettere a confronto le carte di credito giuste per ogni profilo e a scegliere quella più conveniente sul mercato.

A cura di: Paola Campanelli

Scopri le offerte

Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.