Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

cessione del quinto, target e vantaggi

Pubblicato il 31/01/2020

Perché scegliere la Cessione del Quinto? Questo tipo di soluzione è, di fatto, un prestito personale non finalizzato pensato per i lavoratori dipendenti e per i pensionati che prevede una trattenuta in busta paga, unica garanzia necessaria. Prima di optare per questo tipo di soluzione bisogna considerare però che, in linea di massima, il costo complessivo di un prestito personale è sempre più basso rispetto a quello di una cessione del quinto. Per questo motivo, spesso, la cessione viene scelta molto spesso da chi ha difficoltà ad accedere ad altre forme di finanziamento (i protestati, per esempio). È sempre utile fare attenzione a quanto viene riportato sul contratto e ricordare che, in base alla normativa, si può richiedere, senza spese, una copia del contratto prima della firma. Se non è riportata sul contratto, non può essere applicata nessuna condizione economica o giuridica. E si hanno 14 giorni di tempo per recedervi, anche dopo la firma. L’ammontare massimo del prestito dipende direttamente dagli anni di anzianità lavorativa, dal Tfr accumulato, dall'importo della retribuzione o della pensione mensile. Infatti, maggiori saranno gli anni di anzianità lavorativa, maggiore sarà il Tfr maturato, e di conseguenza l’Istituto finanziario, di fronte ad una più ampia garanzia sarà disposto a concedere importi più elevati. Inoltre, poiché il rimborso mensile deve essere inferiore alla quinta parte dello stipendio, quanto maggiore sarà la retribuzione o la pensione riscossa, tanto maggiore sarà la rata mensile sostenibile, altro fattore che rende possibile l’erogazione di somme più elevate. 

Saltare una rata

Rispetto al prestito tradizionale, c’è meno flessibilità. Nel caso di ritardo nel pagamento anche di una sola rata, attribuibile a qualsiasi causa, saranno dovuti sull’importo non pagato gli interessi di mora convenuti nel contratto. Nel caso in cui si verifichino la cessazione del rapporto di lavoro, o la sospensione o riduzione dello stipendio (così come nel caso di ritardato pagamento), l’Istituto finanziatore potrà considerare risolto il contratto, questo indipendentemente dalla stipulazione della prevista polizza assicurativa. In conseguenza della risoluzione, l’assicurazione si avvale della garanzia sul TFR ed in caso di eccedenze, il cliente è tenuto a rimborsare il debito residuo. 

I costi della cessione del quinto

Per conoscere il costo reale del finanziamento bisogna sempre chiedere il modulo europeo IEBCC (conosciuto anche come SECCI): è qui che viene riportato il Taeg, ovvero l'effettivo costo del prestito, comprensivo del tasso di interesse e di tutte le spese. Nel caso della cessione bisogna sapere che le spese si moltiplicano perché vengono aggiunti i costi di mediazione, le spese bancarie e le spese assicurative obbligatorie. Il finanziamento può essere estinto senza spese prima della scadenza, ma solo se il residuo non supera i 10.000 euro. Se il residuo, invece, supera questa soglia è possibile richiedere l'estinzione previo pagamento di una commissione pari all'1% del capitale residuo e dello 0,5% nell'ultimo anno del prestito. Si ha anche diritto al rimborso delle spese pagate in un'unica soluzione relative al periodo successivo all'estinzione. Se non vengono rimborsate le spese assicurative o le spese bancarie legate alla vita del contratto si può, in caso di mancata risposta entro 30 giorni dalla protesta, fare ricorso all’Arbitro bancario e finanziario. 

Il rimborso sui costi

Per ottenere il rimborso per le commissioni, spese, oneri vari e premi assicurativi versati in anticipo e non ancora maturati si può fare ricorso e chiedere il rimborso entro 10 anni. La procedura non prevede l’obbligo di assistenza legale ed è previsto un unico contributo di 20 euro che sarà restituito al cliente con la decisione di accoglimento del ricorso. E’ importantissimo fornire tutte le prove utili (a titolo di esempio il contratto, il conteggio estintivo, la prova dell’avvenuta estinzione). 

A cura di: Sofia Fraschini

Parole chiave

prestiti per cessione quinto rate pensione

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.