Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Canone TV: chi può richiedere l'esonero?

Alcuni contribuenti possono evitare l'addebito del canone Tv nella fattura elettrica o comunicare di aver diritto all'esenzione. Ciò è possibile se, nella casa dove è attivata l'utenza elettrica, non è presente alcun apparecchio tv. Sono esentati anche i militari di cittadinanza non italiana.

Pubblicato il 13/10/2021
Come funziona l'esonero per il canone TV

Chi ha in casa un apparecchio televisivo, deve far fronte al pagamento del canone di abbonamento alla televisione. Il costo va sostenuto una volta all’anno e una sola volta a famiglia, a patto che i familiari risiedano nella stessa casa.

A partire dal 2016, con la Legge di Stabilità, è stata introdotta la presunzione di possesso tv nei confronti dei titolari di fornitura elettrica. I titolari di utenza elettrica per uso domestico residenziale pagano, infatti, il canone tv direttamente nella fattura dell’utenza di energia elettrica. Il pagamento del canone non avviene più con bollettino postale.

È possibile, invece, procedere al pagamento del canone direttamente con addebito sulla pensione. In questi casi va fatta richiesta all’ente pensionistico entro il 15 novembre dell’anno precedente a quello cui si riferisce l’abbonamento. L’agevolazione riguarda tutti i cittadini, titolari di abbonamento alla televisione, con un reddito di pensione, percepito nell’anno precedente a quello della richiesta, non superiore a 18.000 euro. Anche chi vive all’estero, ma ha una casa in Italia, deve pagare il canone di abbonamento alla televisione.

Chi è esonerato dal canone tv?

Ci sono dei casi in cui il contribuente può, però, evitare l’addebito del canone nella fattura elettrica o comunicare di aver diritto all’esenzione. Si può, infatti, dichiarare che nell’abitazione dove è attivata l’utenza elettrica a loro intestata non sia presente alcun apparecchio tv. Per ottenere l’esenzione bisogna compilare un apposito modello sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate.

Anche i cittadini che hanno compiuto 75 anni e che hanno un reddito annuo proprio e del coniuge non superiore a 8.000 euro totali possono presentare la dichiarazione sostitutiva con cui ottenere l’esonero del pagamento del canone tv. L’agevolazione tocca per l’intero anno se la persona ha compiuto 75 anni entro il 31 gennaio dell’anno stesso. Se sono stati compiuti 75 anni dal 1° febbraio al 31 luglio dell’anno, l’agevolazione spetta per il secondo semestre.

Chi ha pagato il canone Tv, ma ha diritto a chiederne il rimborso, può farlo, sempre mediante un modello presente pure sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Questo documento può essere trasmesso online, consegnato presso un ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate o spedito a mezzo del servizio postale in plico raccomandato.

Ad essere esentati dal pagamento del canone Tv sono anche:

  • gli agenti diplomatici
  • i funzionari o gli impiegati consolari
  • i funzionari di organizzazioni internazionali
  • i militari di cittadinanza non italiana o il personale civile non residente in Italia di cittadinanza non italiana appartenenti alle forze NATO di stanza in Italia
Acquista gli elettrodomestici con un prestito fai subito un preventivo

Come acquistare elettrodomestici con un prestito

Ci sono prestiti propedeutici all’acquisto di determinati articoli, come ad esempio gli elettrodomestici. Tali finanziamenti prendono il nome di prestiti finalizzati perché associati all’acquisto di specifici beni. Questi vengono concessi al venditore da una finanziaria e poi rimborsati a rate dall’acquirente. Si tratta di forme di finanziamento volte a supportare i clienti nell’acquisto di prodotti. Questi prestiti si presentano con tassi e condizioni particolarmente vantaggiosi.

Per un prestito finalizzato non vengono richiesti particolari requisiti: ciò che conta è che il richiedente abbia un reddito certo e sia affidabile sul fronte del credito. Gli istituti di credito devono, infatti, poter scongiurare il rischio di insolvenza. In alcuni casi viene richiesta anche la firma di un garante che intervenga nel caso di adempimenti da parte del debitore principale.

Contrariamente ai prestiti finalizzati, i prestiti non finalizzati vengono richiesti in banca o a una società finanziaria. I clienti non sono tenuti a specificare l’uso che verrà fatto del denaro, né a presentare preventivi e giustificativi di spesa. La somma viene versata al richiedente direttamente sul conto bancario o tramite assegno. La concessione di questi finanziamenti non prevede la presenza di un rivenditore convenzionato.

A cura di: Tiziana Casciaro

Scopri le offerte

Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.