Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Auto: nasce un indicatore dei prezzi dell’usato

Oltre il 60 percento dei clienti che si recano in concessionaria per acquistare una nuova auto dando indietro la loro vecchia non è soddisfatto dei termini della permuta. AUTO1.com lanciato un indicatore che aiuta i venditori a valutare correttamente il prezzo di mercato dell’usato.

Pubblicato il 04/03/2021

Il mercato dell’auto europeo ha un potenziale inespresso o, più precisamente, non fa sufficienti sforzi per andare incontro agli automobilisti che desiderano cambiare vettura. Oggi comprare una macchina è semplice, abbiamo il supporto di finanziamenti dedicati all'auto a tassi ultra-competitivi, un’ampia scelta di alternative e servizi di assistenza da parte dei produttori sempre più attenti: quello che manca è la soddisfazione degli automobilisti che vogliono permutare la loro vettura auto con una nuova e non trovano congruo il valore che viene dato al loro usato. Un danno non indifferente sia per i rivenditori, sia dal punto di vista ambientale perché rallenta il rinnovamento del parco circolante.

Oltre il 60% dei clienti insoddisfatti dei termini di permuta

Uno studio rivela chiaramente l'importanza del momento di valutazione del prezzo dell’auto usata: oltre il 60% dei clienti di una concessionaria che intendono acquistarne una nuova, infatti, si rivolgono altrove perché non hanno trovato un accordo sulla permuta.

Questo è il potenziale di invenduto che dipende, tra gli altri, da fattori come la superficialità nella valutazione dell’usato. Per colmare questa lacuna AUTO1.com, la maggiore piattaforma europea di vendita B2B di auto usate, ha lanciato sul mercato Price Indicator A1: soluzione digitale dedicata ai concessionari per aiutarli nella fase di valutazione di un’auto usata nell’ambito di un processo di permuta.

In Germania il 19% degli automobilisti interrompono l’acquisto

E i numeri raccolti nel Continente ‘premiano’ l’iniziativa. Infatti, secondo uno studio di mercato (in cui sono stati interpellati 1035 acquirenti di auto), in Germania ben il 19% dei potenziali clienti interrompe l’acquisto dell’auto a causa di problemi con la permuta del veicolo precedente.

Dalla ricerca emerge che non offrire il prezzo giusto per una permuta si traduce nella rottura completa dell'accordo che riguarda anche l’auto nuova. Non solo: un altro 44% di clienti dichiara di non aver ricevuto nemmeno un'offerta di permuta dal concessionario. Questi dati riflettono perfettamente anche la situazione che registriamo presso i concessionari e gli automobilisti del nostro Paese.

I concessionari sono in difficolta nelle valutazioni

I limiti sul fronte dell’offerta, ha commentato Stefano Galluccio, managing director di AUTO1.com Italia, sono riconosciuti dagli stessi concessionari, che hanno ammesso di trovarsi spesso in difficoltà nel determinare un prezzo realistico per auto di marchi terzi.

Proprio in questa situazione il nuovo indicatore digitale entra in gioco e si integra in modo flessibile all'interno dei processi di permuta dei concessionari.

Il loro obiettivo è quindi di riconquistare quel 60% dei clienti direttamente nel punto di vendita cui si sono rivolti. Con un solo clic il rivenditore può richiedere una valutazione per ogni permuta e in pochi minuti può ottenere il prezzo di mercato.

Dalle permute effetti rilevanti su capitale e magazzino

Le permute, per i concessionari, sono un elemento delicato dal punto di vista del capitale e comportano un rischio di magazzino. Il cliente, da parte sua, trova invece una valutazione dell’usato più corretta e in linea col mercato e – davanti a soluzione rapida ed efficiente – la sua soddisfazione sarà maggiore.

In Italia il mercato automobilistico dell’usato è molto dinamico ed è uno dei più attivi sul fronte del credito. In gennaio, secondo il più recente Osservatorio prestiti di PrestitiOnline.it, le richieste di finanziamenti aventi come finalità l’acquisto di una vettura usata si sono collocate infatti al secondo posto, con il 23,7% del totale (subito dietro solo alle richieste per liquidità).

A cura di: Fernando Mancini

Scopri le offerte

Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.