Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Logo PrestitiOnline
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Superbonus edilizio: come cambierà la maxi-detrazione

Quasi sicura per il 2023 una rimodulazione della originaria percentuale di sconto del Superbonus al 90 per cento della spesa sostenuta, con una serie di limitazioni relative ai soggetti proprietari e conduttori di villette unifamiliari, come il limite di reddito da 15.000 euro l’anno.

Pubblicato il 10/11/2022
casa in costruzione con mattoni e travi di legno
Torna il Superbonus ma con percentuali ridotte e limiti

Prosegue la trattativa che valuta il rinnovo di uno dei grandi protagonisti del mercato immobiliare e dell’edilizia degli ultimi due anni: il Superbonus.

Il Superbonus è un incentivo fiscale introdotto nel 2020 che consente di sostenere spese per la ristrutturazione edilizia coperte interamente dallo Stato, con il beneficio aggiuntivo del 10%. La finalità dei lavori deve essere l’efficientamento energetico degli edifici attraverso i cosiddetti lavori “trainanti”, volti a migliorare l’efficienza energetica delle case e a conseguire un risparmio in bolletta.

Sono ben 51 i miliardi di interventi ammessi dallo stato fin dall’applicazione della detrazione, che si ridurranno a circa 30 con la nuova legge di bilancio per il periodo 2023-2028.

Secondo gli studi effettuati in questi anni di applicazione, otto architetti e ingegneri su dieci hanno effettuato lavori oggetto di agevolazione e, su questi, il 73% ha applicato il Superbonus. Un professionista su tre riconduce oltre la metà del fatturato ai bonus fiscali (dati Studio Fondazione Inarcassa)

Le novità al vaglio per il nuovo Superbonus

Con soglie e aliquote che sono ancora in definizione sulla base delle disponibilità definite dall’analisi dei bilanci pubblici, l’agevolazione sarà nuovamente aperta alle abitazioni unifamiliari, o villette indipendenti, ma la condizione è che i lavori siano effettuati su immobili prime case ed entro una ben definita soglia di reddito.

Quasi sicura per il 2023 una rimodulazione della originaria percentuale di sconto del 110% sulla spesa sostenuta per la manutenzione straordinaria, che gli aggiornamenti in bozza al 4 novembre della prima legge di bilancio firmata dal nuovo Governo danno al 90%, anticipando al 1° gennaio 2023 la riduzione per i condomini.

Si attende adesso la presentazione del Nadef, la Nota di aggiornamento al documento di economia e finanza, necessaria all’elaborazione della nuova legge di bilancio.

Confronta prestiti per ogni finalità e risparmia fai subito un preventivo

Cos’è il quoziente familiare

Una serie di limitazioni sono dunque previste, relative ai soggetti proprietari e conduttori di villette unifamiliari che potranno beneficiare del nuovo Superbonus. Il criterio di calcolo sarà misurato sul quoziente familiare, vale a dire il reddito abbinato alla numerosità della famiglia. Il beneficio potrebbe infatti prevedere un limite di reddito che partirebbe da una soglia molto bassa, pari a 15.000 euro l’anno, e crescere in proporzione ai componenti familiari.

Si parla inoltre di limitare l’estensione della detrazione ai lavori “trainati”, come succede ad esempio oggi per la sostituzione degli infissi in seguito alla realizzazione del cappotto termico.

Non dovrebbero invece trovare attuazione le aliquote differenziate in base alla destinazione d’uso dell’immobile, prima casa o seconda casa, come anche in base al reddito percepito in caso di interventi condominiali che prevedono più contribuenti coinvolti nell’agevolazione.

Le criticità della nuova norma

Le nuove disposizioni in tema di Superbonus, con le limitazioni di reddito che consentirebbero l’accesso alla detrazione delle famiglie meno abbienti, sembra contrastare con l’effettiva “costosità” dell’operazione rispetto alla formulazione precedente. In primo luogo perché l’operazione va effettuata tramite la banca il cui costo abbassa notevolmente lo sconto, quindi si dovrebbe calcolare anche il costo del prestito per realizzare la ristrutturazione. Anche se si optasse per la cessione del credito alla ditta che effettua i lavori, il risparmio non sarebbe mai del 90% perché l’impresa dovrà a sua volta cedere il credito a un terzo soggetto.

A cura di: Paola Campanelli

Scopri le offerte

prestiti personali Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
cessione del quinto Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.