Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Niente bonus consumi per chi paga con il Pos, ma arriva il cashback

Il Decreto Agosto ha anticipato il cashback, un sistema di rimborsi sui pagamenti elettronici parametrato al numero di transazioni, che funzionerà come un sistema a punti con restituzioni su tranches semestrali. Con il sistema si possono ottenere rimborsi fino a 2mila euro l'anno.

Pubblicato il 25/08/2020

Evitare il contante a favore del pagamento con carte, bancomat e altri strumenti di pagamento elettronici (e tracciabili) conviene. Anche se l'atteso bonus consumi sui pagamenti con Pos che era stato ventilato dal governo alla fine non è arrivato. A pochissime ore dall'approvazione finale del Decreto Agosto, pubblicato a metà mese in Gazzetta Ufficiale, è infatti saltato il bonus che avrebbe previsto uno sconto immediato del 20% sui pagamenti tramite Pos del conto al ristorante o degli acquisti di abbigliamento, calzature, arredamento ed elettrodomestici (cioè sulle categorie merceologiche più colpite dalla pandemia di coronavirus e dalle misure di lockdown). Ma anche se il bonus consumi è scomparso, con il decreto entrato in vigore a Ferragosto il governo ha voluto comunque premiare i consumatori che evitano il contante a favore di pagamenti elettronici e tracciabili, e ha così deciso di anticipare il cosiddetto cashback.

Cos'è il cashback

Il cashback in generale è una formula che prevede rimborsi su parte di quanto pagato per determinati acquisti. Quella varata dal governo, in particolare, è una misura che prevede un sistema di rimborsi di risorse parametrato al numero di transazioni effettuate con pagamenti elettronici e digitali, con l'obiettivo da un lato di contrastare l'evasione fiscale e dall'altro di promuovere i consumi. Il fondo per il cashback, che rientra nel Piano per la digitalizzazione dei pagamenti, era già stato introdotto con la scorsa manovra, ma le risorse erano poi state indirizzate verso le misure di urgenza nel pieno della crisi. 

Per il momento non è stato ancora reso noto nel dettaglio il funzionamento di questo meccanismo di rimborso, ma alcune indicazioni di massima sono reperibili nel testo del decreto (all'articolo 73) e altre anticipazioni sono state fornite dal ministro dell'Economia Roberto Gualtieri. Il sistema del cashback, che entrerà in vigore dal prossimo primo dicembre, costerà 1,75 miliardi, con un incremento aggiuntivo di 250 milioni rispetto alle prime bozze circolate. La cifra si aggiunge  ai 3 miliardi già stanziati per l'anno successivo. 

Un sistema di accumulazione a punti

Come ha spiegato Gualtieri nel corso della conferenza stampa di presentazione del decreto, il cashback “si baserà su un sistema di accumulazione di punti e restituzione di risorse con cadenza semestrale”.  “È una misura per incentivare la modernizzazione dei pagamenti, per aiutare la lotta all’evasione fiscale ma anche per il sostegno ai consumi”, ha aggiunto il ministro. In pratica sarà un meccanismo a punti, e non di sconto, che verrà definito a breve e che consentirà di cumulare un vantaggio di un certo numero di transazioni per poi avere indietro risorse che possono variare a seconda del numero di transazioni, con un cap che secondo le parole del ministro mira a evitare “meccanismi regressivi”. I rimborsi in denaro verrano corrisposti con “tranche semestrali prima delle vacanze estive e a fine anno, quando si saranno accumulati i pagamenti”, ha spiegato ancora Gualtieri. 

Per conoscere gli importi dei rimborsi e i dettagli sulle transazioni che potranno beneficiare di tale misura occorrerà aspettare i decreti attuativi. Tuttavia, prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il presidente del Consiglio Giuseppe Conte aveva anticipato che il meccanismo di cashback riconoscerà incentivi sui pagamenti elettronici “fino a 2mila euro” l'anno.  

Il Ministero dell'economia e delle finanze  ha affidato l'attività di attribuzione ed erogazione dei rimborsi previsti dal cashback alla Consap (Concessionaria servizi assicurativi  pubblici), che dovrà occuparsi anche della gestione dei reclami e delle eventuali  controversie.

A cura di: Gaia Giorgio Fedi

Scopri le offerte

Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.