Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Logo PrestitiOnline
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

L’interesse legale sale con l’inflazione

Quella che a prima vista potrebbe sembrare una questione meramente tecnica, in realtà può impattare in maniera decisiva sulla vita delle famiglie italiane. Il ritorno dell'inflazione ha spinto il Governo ad alzare il tasso d'interesse legale all'1,25%.

Pubblicato il 07/01/2022
mani porgono uno zero percento
Aumenta l'interesse legale

A prima vista potrebbe apparire una questione tecnica, ma a ben vedere si tratta di uno di quei temi nei quali può capitare di imbattersi nella propria vita. Con il nuovo anno è stato alzato dall’ 0,01 all’1,25% l’interesse legale, che incide su una serie di calcoli, a cominciare dal valore di usufrutto e rendite.

Pesa l’inflazione

La ragione è data dall’impennata inflazionistica alla quale stiamo assistendo da mesi. Dopo aver iniziato il 2021 in deflazione, cioè con i prezzi al consumo mediamente in calo al traino del crollo della domanda dovuto allo scoppio della pandemia, lo scenario si è invertito man mano che la ripresa economica ha preso corpo. Complice anche la penuria di alcune componenti decisive per completare la transizione ecologica. Il risultato è stata una crescita progressiva dei prezzi fino a raggiungere il 3,8% di dicembre, un livello che nel nostro Paese non si vedeva da decenni. A conti fatti, nell’intero 2021 il rialzo medio dei prezzi al consumo è stato nell’ordine dell’1,8% e questo ha spinto il ministero dell’Economia a rivalutare anche l’interesse legale.

Detto del passato, cosa attendersi per l’anno da poco iniziato? La maggior parte degli analisti ritiene che non torneremo – almeno nel breve - a una crescita di pochi decimali come quella vista negli anni scorsi, ma anche che il carovita dovrebbe raffreddarsi. Questo per due ordini di ragioni: la prima è legata alla base di calcolo, che era ai minimi all’inizio del 2021 proprio a causa dello scoppio della pandemia, mentre oggi è su livelli più elevati; perché con il tempo l’offerta (particolarmente forte all’inizio dei cicli economici di ripresa) e la domanda torneranno in sostanziale equilibrio.

Cosa cambia

Lasciando da parte gli scenari macro, torniamo sul tema del tasso legale. Quest’ultimo viene stabilito non solo alla luce dell’inflazione, ma anche del rendimento medio annuo dei titoli di Stato di durata inferiore ai dodici mesi, anche quest’ultimo in salita, ma molto meno del carovita.

L’interesse legale è il riferimento in molteplici situazioni: per stabilire l’ammontare degli interessi relativi ai crediti liquidi ed esigibili, vale a dire quelli determinati nel loro ammontare e il cui pagamento non sia impedito da termini a favore del debitore o da condizioni sospensive; al tasso legale si computano gli interessi che siano pattuiti convenzionalmente quando non ne sia stata stabilita la misura; inoltre servono per il calcolo della base imponibile delle imposte di registro, ipotecaria, catastale, di successione e donazione quando si tratta di assolverle con riferimento alla costituzione o al trasferimento di un diritto di usufrutto. E il discorso vale anche qualora venga trasferita la nuda proprietà o si proceda alla costituzione di una rendita a tempo determinato, vitalizia o perpetua.

Tutte situazioni nelle quali è possibile incappare nel corso della propria vita.

A cura di: Luigi dell'Olio

Scopri le offerte

prestiti personali Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
cessione del quinto Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.