Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Guida ai bonus del DL rilancio

Pubblicato il 10/06/2020

Col DL rilancio, contenente misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19, l’Italia ha cercato di dare una scossa a un’economia in blocco totale. E, a differenza degli “interventi” precedenti, sono stati previsti anche interventi a fondo perduto per le imprese e bonus alle famiglie finalizzati a incentivare i consumi e a rimettere in modo la macchina della crescita.

Intanto, giovedì 4 giugno è scaduto il termine ultimo per la presentazione degli emendamenti al Dl rilancio in commissione Bilancio. Secondo quando reso noto dagli uffici dopo il conteggio ufficiale, sono circa 8mila gli emendamenti presentati; un numero inferiore alle attese (si stimavano proposte di modifica per circa 10mila), ma che resta comunque un record per quanto riguarda i provvedimenti economici). Nell’attesa di sapere come incideranno le diverse proposte di modifica, vi proponiamo una guida dei principali bonus previsti dal Dl rilancio.

Bonus per le imprese

Contributi a fondo perduto – Spetta a tutti i soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo, titolari di partita Iva, comprese le imprese esercenti attività agricola o commerciale, anche se svolte in forma di impresa cooperativa, con fatturato nell’ultimo periodo d’imposta inferiore a 5 milioni di euro. L’ammontare del fatturato di aprile 2020 deve essere inferiore ai due terzi del fatturato di aprile 2019. Il contributo è pari a una percentuale calcolata sulla differenza di fatturo, con un minimo di 2mila euro (mille euro per le persone fisiche): 20% per i soggetti con ricavi inferiori a 400mila euro nell’ultimo periodo d’imposta, 15%  per i soggetti con ricavi tra 400mila euro e un milione, e 10% per i soggetti con ricavi superiori a un milione di euro.

Esenzione Irap - Il decreto dispone l’esenzione dal versamento del saldo dell’Irap dovuta per il 2019 e della prima rata (pari al 40%) dovuta per il 2020 per le imprese e i lavoratori autonomi con ricavi non superiori a 250 milioni di euro nell’ultimo periodo d’imposta.

Credito d’imposta per gli affitti - Ai soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, che abbiano subito nei mesi di marzo, aprile e maggio una diminuzione del fatturato di almeno il 50% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente e con ricavi non superiori a 5 milioni di euro (il limite dei ricavi non si applica alle strutture alberghiere) spetta un credito d’imposta pari al 60% del canone mensile di locazione, di leasing o di concessione di immobili a uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all'esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo.

Credito d’imposta e rafforzamento patrimoniale delle pmi - Incentivato il rafforzamento patrimoniale delle medie imprese con la previsione per il 2020 della detraibilità per le persone fisiche e della deducibilità per quelle giuridiche del 20% della somma investita dal contribuente nel capitale sociale di una o più società per azioni, in accomandita per azioni, a responsabilità limitata (anche semplificata), cooperativa, aventi sede legale in Italia, che non operino nel settore bancario, finanziario o assicurativo e che soddisfino i requisiti previsti dal decreto. L’investimento massimo su cui calcolare il credito di imposta del 20% non può eccedere i 2 milioni di euro.

Bonus per famiglie e lavoratori

Sostegno al reddito - Ai liberi professionisti e ai collaboratori coordinati continuativi (co.co.co) già beneficiari per il mese di marzo dell’indennità pari a 600 euro, viene automaticamente erogata dall'Inps un’indennità di pari importo anche per il mese di aprile 2020. Per il mese di maggio l’importo riconosciuto sale a 1.000 euro. Le stesse misure si applicano ai lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali.

Reddito di emergenza - Per il mese di maggio si introduce il “reddito di emergenza” (Rem), destinato al sostegno dei nuclei familiari in condizioni di necessità economica in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, individuati secondo specifici requisiti di compatibilità e incompatibilità. Il Rem è erogato dall’INPS in due quote ciascuna pari all’ammontare di 400 euro.

Bonus baby sitting - Innalzato da 600 a 1.200 euro il limite massimo complessivo il bonus per l’acquisto di servizi di baby sitting e la possibilità, in alternativa, di utilizzarlo per l’iscrizione ai servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia. Per i comparti sicurezza, difesa e soccorso pubblico e per il settore sanitario pubblico e privato il limite massimo è aumentato a 2.000 euro. La fruizione del bonus per servizi integrativi per l’infanzia è incompatibile con la fruizione del bonus asilo nido.

Bonus vacanze - Per il periodo d’imposta 2020 è riconosciuto ai nuclei familiari un credito massimo di 500 euro utilizzabile per il pagamento dei servizi offerti dalle imprese turistico ricettive, da bed&breakfast e agriturismo. Per i nuclei familiari composti da due persone il bonus scende a 300 euro, mentre per quelli composti da una sola persona a 150 euro. Per beneficiare del bonus, i nuclei familiare devono avere un Isee in corso di validità non superiore a 40mila euro.

A cura di: Gabriele Petrucciani

Parole chiave

Dl rilancio Imprese Famiglie Bonus

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.