Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Cessione del quinto: un mercato in crescita

Il ricorso alla cessione del quinto degli italiani è aumentato in sintonia con l’andamento della pandemia da Covid. Il mercato ha un potenziale di diversi milioni di utenti, soprattutto dopo l’introduzione di una nuova normativa Ue. Nel 2019 il volume richiesto è ammontato a 19,4 miliardi.

Pubblicato il 23/12/2020

La crisi generata dalla pandemia da coronavirus ha complicato la vita a molti cittadini italiani, molti dei quali sono chiamati a confrontarsi con una diffusa riduzione del reddito o con l’esigenza di risolvere problemi economici per poter ripartire dopo il lockdown. Un clima che spiega il successo ottenuto negli ultimi mesi dalla Cessione del Quinto, strumento – qualificato come un’operazione di credito al consumo – che viene usato per soddisfare i bisogni personali e della propria famiglia.

È una modalità di finanziamento unico nel suo genere, si rivolge sia ai pensionati sia ai lavoratori e ha importanti qualità, tra le quali spiccano convenienza, sicurezza, semplicità e trasparenza.

5,8 miliardi il volume generato nel 2019

E così il finanziamento con la cessione del quinto è diventata una forma sempre più utilizzata dalle famiglie italiane. Analizzando il trend di mercato e le prospettive, secondo quanto è emerso in un convegno organizzato da Tecnocasa, nel 2019 i finanziamenti attraverso la cessione del quinto hanno evidenziato volumi pari a 19,4 miliardi di euro di valore finanziario, che rappresenta il 18% del totale del mercato del credito al consumo, che era pari a 106,2 miliardi di stock (dati Assofin).

Lo scorso anno il valore delle operazioni finanziate con questo sistema ammontano a 5,8 miliardi, pari a circa il 9% dei 65,9 miliardi erogati nel credito al consumo, evidenziando un aumento del 4% rispetto al 2018.

Potenziale di diversi milioni di utenti

Lo strumento garantisce il massimo accesso al credito e per questo vanta un potenziale di diversi milioni di utenti sia per la sempre maggiore affermazione del prodotto, sia perché si va a sostituire sempre più ad altre forme di finanziamento retail. Per questo è rilevante ricordare che il 7 giugno 2019 è stato pubblicato il Regolamento Ue che, tra l’atro, ha modificato l’assorbimento di capitale associato a questo tipo di finanziamenti riducendo il fattore di ponderazione dal 75% al 35%.

Più competizione significa più convenienza

Tutto ciò ha spinto ancora di più gli intermediari e le banche verso questo prodotto con la sostituzione di altre forme di prestito al consumo, più rischiose e il cui assorbimento di capitale rimane elevato. Tale dinamica ha di fatto giovato al mercato della cessione del quinto e ai consumatori, perché maggiore competizione significa anche più possibilità di scelta per meglio individuare l’intermediario a cui rivolgersi per le proprie necessità.

La convenienza di un prestito la si persegue se si è in grado di comparare più proposte degli istituti, e se si conosce i vari passaggi del processo, a partire da quello basico: come ottenere un prestito.

Le condizioni economiche agevolate

Una delle sue più rilevanti caratteristiche sono infatti proprio le condizioni economiche, che sono agevolate rispetto a quelle che generalmente praticano banche o intermediari cui si ricorre per accendere un altro tipo di prestito. Il perché è presto detto.

Chi richiede la Cessione del Quinto fornisce all’emittente del finanziamento una garanzia concreta: il pensionato accetta di rimborsare mensilmente il prestito con un addebito diretto sul proprio cedolino della pensione, così come il lavoratore lo fa per la propria busta paga. La durata del contratto la sceglie inoltre il richiedente in base alle proprie esigenze, ma deve essere compresa tra un minimo di 24 mesi fino a un massimo di 120 mesi.

Sostenibilità, sicurezza e trasparenza

Tra le altre qualità ci sono la sostenibilità, la sicurezza e la trasparenza. Da una parte la rata non può mai superare il quinto dello stipendio o della pensione (il cumulo per chi ne ha più di una) e, dall’altra, con il prestito ottenuto con la Cessione del Quinto è obbligatorio per il richiedente stipulare una polizza assicurativa per il rischio di morte prematura.

Infine l’importo da rimborsare deve essere calcolato al netto delle trattenute fiscali e previdenziali e, in osservazione della trasparenza, nel contratto devono essere indicate tutte le voci di spesa (quelle di istruttoria, estinzione anticipata, premio di copertura, le commissioni e i tassi d’interesse che vengono applicati).

Il tasso fisso, per sempre

A differenza di altre tipologie di finanziamento, dove si incontra spesso l’obbligo di dichiarare la finalità prestiti personali, il richiedente della cessione del quinto non è tenuto a giustificarne l’utilizzo. Altro aspetto a favore della cessione del quinto è costituito sicuramente dal fatto che il tasso che viene applicato al prestito è fisso: cioè la rata rimarrà costante nel tempo e questo mette al riparo il richiedente da eventuali indesiderati rialzi dei saggi.

Ciò non toglie che ciascuna banca possa decidere in tutta autonomia i parametri da adottare, che devono comunque rimanere confinati entro la soglia Taeg indicata trimestralmente dal ministero dell’Economia e delle Finanze.

I tassi soglia Taeg per il IV trimestre

Per i pensionati sono stati aggiornati i tassi in vigore per l’ultimo trimestre 2020, in base ai soliti parametri: età anagrafica (con riferimento al piano di ammortamento) e importo chiesto. Per le somme fino a 15mila euro il tasso medio è indicato all’11,23% (con soglia di usura del 18,0375%) e per quelli oltre i 15mila al 7,77% (13,7125%).

Ne consegue che i tassi soglia Taeg da utilizzare per i prestiti estinguibili con cessione del quinto della pensione sono: fino a 59 anni 8,37% per prestiti fino a 15mila e 6,58% oltre quell’importo, per la fascia 60-64 anni rispettivamente 9,17% e 7,38%, per la fascia 65-69 anni rispettivamente 9,97% e 8,18%, per la fascia 70-74 anni rispettivamente 10,67% e 8,88% e per i 75-79enni 11,47% e 9,68%.

A cura di: Fernando Mancini

Scopri le offerte

Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.