Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Bonus mobili 2021: come funziona e come ottenerlo

Per aver diritto al bonus mobili ed elettrodomestici è necessario realizzare una ristrutturazione edilizia, sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali. La detrazione viene suddivisa in dieci quote annuali di stesso importo.

Pubblicato il 19/10/2021
Come funziona e come ottenere il bonus mobili 2021

Anche quest’anno si può far richiesta del bonus mobili ed elettrodomestici. Una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+. L’agevolazione vale per gli acquisti fatti nel 2021, ma può essere richiesta soltanto nel caso di ristrutturazione edilizia iniziata non prima del primo gennaio 2020.

Si ha diritto al beneficio anche quando si acquistano mobili all’estero. I contribuenti devono documentare la spesa con fattura e aver seguito tutti gli adempimenti previsti. Per ottenere la detrazione bisogna indicare le spese fatte nella dichiarazione dei redditi. L’agevolazione tocca al contribuente che si avvale della detrazione per le spese di intervento di recupero del patrimonio edilizio.

Per poter essere tra i destinatari della misura è necessario, dunque, realizzare una ristrutturazione edilizia, sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali. Il bonus mobili ed elettrodomestici viene concesso anche a chi ha optato per la cessione di credito o per lo sconto in fattura invece che della fruizione diretta delle detrazioni.

Arreda la tua casa con un prestito fai subito un preventivo

Come funziona il bonus mobili

La detrazione viene suddivisa in dieci quote annuali di stesso importo. Per quest’anno il tetto di spesa è stato elevato a 16.000 euro; finora, invece, l’ammontare complessivo non doveva superare i 10.000 euro. I contribuenti che eseguono opere di ristrutturazione su più immobili possono beneficiare dell’agevolazione più volte.

Il bonus mobili ed elettrodomestici spetta per gli acquisti fatti fino al 31 dicembre 2021

In particolare le spese devono riguardare:

  • Mobili nuovi (letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi e apparecchi di illuminazione)
  • Grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+, (A o superiore per i forni e lavasciuga), per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica.

Non danno diritto all’agevolazione gli acquisti di porte, pavimenti, tende, tendaggi. Rientrano, invece, fra i grandi elettrodomestici: frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

Per beneficiare di questa importante agevolazione, i contribuenti devono effettuare le spese mediante bonifico, carta di debito o carta di credito. Non vengono accettati altri mezzi di pagamento, come assegni bancari e contanti. Si può fruire della detrazione anche quando si acquista un bene con un finanziamento a rate. È importante, però, che la società che eroga il finanziamento paghi la somma dovuta con le stesse modalità di pagamento indicate sopra e che il contribuente abbia una ricevuta del pagamento.

Per poter ottenere il bonus mobili, bisogna conservare la ricevuta di pagamento (copia bonifico, ricevuta di transazione per pagamenti con carta di credito o debito, documentazione di addebito su conto corrente) e le fatture di acquisto dei beni. Lo scontrino con codice fiscale dell’acquirente ha la stessa valenza della fattura. Viene presa come punto di riferimento la data in cui è stata usata la carta e non quella dell’addebito su conto corrente.

Si possono portare in detrazione anche le spese di trasporto e di montaggio dei mobili comprati. Secondo quanto previsto dalla legge e specificato dall’Agenzia delle Entrate non ci sono vincoli temporali nella consequenzialità tra l’esecuzione dei lavori e l’acquisto dei beni.

Come arredare casa con un prestito

 

Chi ha intenzione di arredare casa, ma non ha la liquidità necessaria, può far ricorso a un prestito arredamento. Questo finanziamento può essere concesso sia come prestito personale, dove il cliente provvede autonomamente al finanziamento e poi utilizza la somma ottenuta per comprare i mobili, sia come prestito finalizzato, dove è il rivenditore a proporre al cliente l’attivazione del finanziamento. In questi casi i rivenditori hanno sottoscritto una convenzione con un istituto finanziario.

A cura di: Tiziana Casciaro

Scopri le offerte

Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.