Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Bonus edilizi e 110%, tra tempi e detrazioni

Più tempo per chiedere il superbonus relativo alle spese di ristrutturazione sostenute nel 2020, ma anche per presentare nuove domande, grazie alla proroga fino al 2023. E per le altre agevolazione si studia l'introduzione di un'aliquota unica per le detrazioni al 75%.

Pubblicato il 12/04/2021

Aggiornato il 19/04/2021

Ristrutturare con il Superbonus 110%

C’è ancora tempo per usufruire del Superbonus 110%, l'agevolazione introdotta dal Decreto Rilancio che eleva al 110% (appunto) l’aliquota di detrazione delle spese sostenute per le ristrutturazioni edilizie (in casa o condominio) eseguite da luglio 2020 al 30 giugno 2022.

La data ultima per presentare le comunicazioni che riguardano le spese sostenute nel 2020, o per inviare eventuali richieste di annullamento o modifica, è stata prorogata al 15 aprile dal precedente 31 marzo. E per chi nel 2020 non avesse preso al volo l’occasione di ristrutturare casa con la maxi detrazione ci sono importanti novità: altri due anni di tempo e una semplificazione delle detrazioni fiscali. Due aspetti in via di definizione con il Recovery Plan che puntano a dare una scossa all’economia nazionale.

La norma

Secondo l’articolo 121 del decreto-legge n. 34 del 2020 "il termine di scadenza per l’invio delle comunicazioni delle opzioni di cui al punto 4.1 del provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate prot. n. 283847 dell’8 agosto 2020, per le detrazioni relative alle spese sostenute nell’anno 2020, è ulteriormente prorogato al 15 aprile 2021.

 Entro lo stesso termine dovranno essere inviate eventuali richieste di annullamento o comunicazioni sostitutive di comunicazioni inviate dal 1° al 15 aprile 2021, relativamente alle spese sostenute nel 2020".

La platea degli interessati

I tempi supplementari riguardano i contribuenti che, nel corso del 2020 e del 2021, hanno sostenuto spese per la realizzazione di uno degli interventi che beneficiano del Superbonus 110%, il bonus casa e altri bonus edilizi.

Superbonus verso la proroga

Riqualificare e ristrutturare con il Superbonus  sarà comunque possibile fino al 2023. La seconda proroga, dopo quella al 30 giugno 2022, diventerà realtà grazie alle novità contenute nella relazione delle commissioni Bilancio e Politiche Ue sul Recovery Plan approvata con risoluzione di maggioranza lo scorso 1 aprile dal Senato.

Bonus ristrutturazioni al 75%

Sulla base delle relazioni messe a punto dalle Commissioni del Senato, è stata proposta una razionalizzazione fiscale degli altri bonus edilizi esistenti, relativamente a ristrutturazioni ed efficientamento energetico. L’idea è di prevedere un’aliquota unica al 75%, modificando l’attuale quadro normativo, l'articolo 16-bis del Tuir, e prevedendo anche per questi la durata della detrazione in cinque anni.

Nella relazione si parla anche di una ridefinizione dei bonus (“bonus ristrutturazione edilizia, ecobonus, sismabonus, bonus verde, bonus arredi, bonus facciate, bonus idrico e bonus colonnine, per gli interventi su tutte le tipologie di immobili”), che verranno anch’essi semplificati e resi strutturali fino al 2025.

Un'altra novità importante potrebbe riguardare l'introduzione del cosidetto geo bonus per coinvolgere cittadini, imprese e amministrazioni in interventi di riqualificazione e bonifiche ambientali.

Il bilancio miliardario

La proroga prende le mosse anche dai numeri che hanno caratterizzato il Superbonus fino ad oggi. Secondo l’Enea, i dati complessivi dei cantieri che hanno utilizzato questa misura sono di successo. Dall’inizio dell’anno i nuovi cantieri sono passati da 1.636 a 10.051 (+500%), per un valore complessivo schizzato da 189 milioni a 1,08 miliardi di euro.

In particolare, tra il 24 e il 30 marzo gli interventi che hanno raggiunto almeno il 30% dei lavori sono passati da 7.709 a 9.207 (+19,4%), ovvero da 878 milioni a 1,09 miliardi (+24,1%). Si tratta di un incremento del 200% da inizio febbraio.

A cura di: Gabriele Petrucciani

Scopri le offerte

Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.