Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Auto, stangata revisione. Ma arriva il bonus

Dall'1 novembre la revisione auto sarà più cara. La "tassa" passerà dai 45 euro attuali a 54,95 euro, con un aumento quindi del 22 per cento. Per alleviare il peso agli automobilisti, è stato introdotto un mini bonus che dovrà essere richiesto entro il 2023. Ma la capienza non è per tutti.

Pubblicato il 28/09/2021
Stangata revisione auto

Sale il costo della revisione auto, ma in parallelo arriva il mini bonus veicoli sicuri. Dal prossimo 1 novembre sui bilanci delle famiglie italiane peserà un nuovo aumento, che questa volta riguarderà l’auto e, in particolare, la revisione.

La legge di Bilancio 2021 ha deciso infatti dopo 13 anni di ritoccare all’insù quest’onere, con una spesa per il controllo del veicolo che crescerà del 22% a causa dell'adeguamento alle tabelle Istat. Conti alla mano, il costo per tutti i veicoli a motore (rimorchi compresi) salirà dai 45 euro attuali a 54,95 euro per un controllo presso le sedi locali della Motorizzazione Civile (dove dunque si risparmia). La spesa lievita però a 79,02 euro se si si fa la revisione privatamente.

Il bonus

Nel decreto interministeriale si prevede una sorta di bonus compensativo che permette l’esenzione dall’aumento del costo della revisione auto in occasione del primo controllo, se effettuato entro la fine del 2023.

Il mini bonus "veicoli sicuri" prevede un rimborso pari esattamente all'incremento della tassa sulla revisione, ovvero 9,95 euro, che sarà concesso alla prima revisione nel triennio 2021-2023. Si tratta di una misura limitata, visto che il Parlamento ha stanziato solo 40 milioni di euro all'anno: 12 milioni spalmati su 3 anni. Una copertura che rischia di essere insufficiente, visto che facendo due conti il bonus non sarà sufficiente per tutti (potranno riceverlo solo 402mila persone ogni anno). Si potrà usufruire del bonus soltanto per un veicolo. L'agevolazione, che dovrà essere richiesta entro il 2023, sarà applicata direttamente dal centro revisione o dalla motorizzazione.

Sanzioni e scadenze

Bypassare la revisione non è possibile visto che l'art. 80 comma 14 del Codice della Strada stabilisce in caso di inadempienza una penale che può andare dai 173 euro ai 694 euro. Sanzione che può raddoppiare in caso di recidiva. Esiste anche una sanzione accessoria, che porta al divieto di circolazione del veicolo fino al superamento della revisione.

Nei mesi scorsi, a causa del Covid e della protratta chiusura degli uffici pubblici, è stata disposta una proroga delle scadenze per le revisioni, pari a 10 mesi oltre la scadenza originaria per i veicoli la cui revisione è scaduta tra ottobre 2020 e giugno 2021. Per esempio, se la revisione del veicolo è scaduta a maggio 2021 si avrà tempo fino a marzo 2022. Questa proroga, però, si applica soltanto ad alcune categorie di veicoli: categoria (auto, autobus, autocaravan), categoria (camion o autoarticolati), e categoria O3-O4 (rimorchi di massa superiore a 3,5 tonnellate).

Nel caso di dubbi è possibile consultare il portale dell’Automobilista che, tra le diverse funzionalità, ha una sezione informativa e una sezione operativa. Il Portale è gestito dal ministero delle Infrastrutture e permette agli utenti di registrarsi e di creare un proprio profilo personale per non perdere gli appuntamenti con bollo e revisione.

A cura di: Gabriele Petrucciani

Scopri le offerte

Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.