Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Agenzia Entrate: precisazioni su contributo a fondo perduto

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare 22/E chiarisce alcuni dubbi circa il contributo a fondo perduto erogato direttamente dall’Agenzia a favore dei soggetti colpiti dall’emergenza da coronavirus. La circolare, in particolare, fornisce chiarimenti ai fini della fruizione del contributo per le associazioni di promozione sociale, per i consorzi tra imprese, per gli operatori nel settore edilizio, nonché per le imprese agricole.

Pubblicato il 27/07/2020

Aggiornato il 28/07/2020

L’Agenzia delle Entrate fornisce ulteriori precisazioni in merito ai quesiti degli operatori circa il contributo a fondo perduto erogato direttamente dall’Agenzia a favore dei soggetti colpiti dall’emergenza da coronavirus. Con una circolare esplicativa (22/E), risponde a tre precise domande: come si calcola il calo del fatturato ai fini del contributo a fondo perduto, previsto dal DL Rilancio, in determinate situazioni? Il contributo vale anche per le società in liquidazione? Come restituire il contributo senza sanzioni in caso di errori? La circolare, in particolare, fornisce chiarimenti ai fini della fruizione del contributo per le associazioni di promozione sociale, per i consorzi tra imprese, per gli operatori nel settore edilizio, nonché per le imprese agricole. 

Agevolazione per compensare effetto pandemia

L’articolo 25 prevede che “è riconosciuto un contributo a fondo perduto a favore dei soggetti esercenti attività d'impresa e di lavoro autonomo e di reddito agrario, titolari di partita IVA, di cui al testo unico delle imposte sui redditi approvato” approvato nel dicembre 1986. L’agevolazione, precisa una nota, nasce quindi con la finalità di compensare, almeno in parte, i gravi effetti economici e finanziari che hanno subito determinate categorie di operatori economici a seguito della pandemia che ha colpito il nostro Paese e il resto del mondo. 

Contributo a soggetti con ricavi non superiori a 5 milioni

Il contributo spetta esclusivamente ai soggetti con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo d'imposta 2019. Di questo gruppo fanno parte, tra gli altri, le imprese esercenti attività agricola o commerciale, anche se svolte in forma di impresa cooperativa. Per contro, precisa la circolare,  il contributo a fondo perduto “non spetta, in ogni caso, ai soggetti la cui attività risulti cessata alla data di presentazione dell'istanza”, così come a chi beneficia già di indennità (articoli 27 e 38) e ai lavoratori dipendenti e ai professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria. 

Calcolo del calo del fatturato in situazioni particolari

La circolare chiarisce inoltre le modalità della corretta determinazione del calcolo del calo del fatturato in situazioni specifiche, come nel caso dei distributori di carburanti e degli agenti e rappresentanti di commercio. Vengono risolti i dubbi anche nel caso di operazioni fuori campo Iva o di passaggi interni per le imprese che operano contestualmente in più attività. Inclusi i soggetti situati a Livigno e Campione d’Italia – La circolare chiarisce che anche i soggetti residenti in questi comuni possono fruire comunque del contributo, se spettante. 

Ok al contributo per le società in liquidazione 

Anche le imprese che hanno avviato la fase di liquidazione successivamente alla data di dichiarazione dello stato di emergenza Covid-19 (31 gennaio 2020) possono avere accesso al beneficio, purché soddisfino i requisiti previsti dalla norma. 

Non si guarda al fatturato nei Comuni colpiti da altre emergenze

La circolare dell’Agenzia delle Entrate conferma che possono usufruire del contributo a fondo perduto, anche in assenza del requisito del calo di fatturato/corrispettivi, i soggetti che hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nel territorio di tutti i Comuni colpiti dal sisma del 26 e 30 ottobre 2016 e colpiti dal sisma del 18 gennaio 2017. Medesimo trattamento anche per i soggetti con domicilio fiscale o la sede operativa nei comuni colpiti dagli eventi meteorologici verificatisi nei giorni 19 e 22 ottobre 2019 nel territorio della provincia di Alessandria. 

Ultime tre settimane per presentare la richiesta

I contribuenti in possesso dei requisiti hanno ancora tempo fino al 13 agosto per poter richiedere il contributo (fino al 24 agosto nel caso degli eredi che continuano l’attività per conto del soggetto deceduto) a fondo perduto. L’Agenzia delle Entrate ricorda che è possibile presentare la richiesta esclusivamente via internet, oppure ricorrere a un intermediario.

A cura di: Fernando Mancini

Parole chiave

fondo agenzia delle entrate coronavirus

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.