Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Logo PrestitiOnline
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Revisione della Direttiva sul credito al consumo: il sì dell’Unione europea

Offerte dei crediti chiare, informazioni adeguate ai dispositivi digitali utilizzati per la vendita, protezione dei consumatori dall’eccessivo indebitamento e dai tassi di interesse troppo elevati. La nuova Direttiva sul credito al consumo raccoglie il consenso della Commissione europea.

Pubblicato il 15/09/2022
simbolo euro con stelle e sullo sfondo grattacieli
Revisione della Direttiva sul credito al consumo

I consumatori che si rivolgono al credito al consumo riceveranno una maggiore tutela grazie al Consiglio dell’Unione europea che ha ufficialmente approvato la revisione della vecchia direttiva sui contratti di credito ai consumatori.

Presentato il 30 giugno 2021 dalla Commissione del Parlamento europeo, il riesame riguarda i crediti al consumo e abroga e sostituisce la direttiva 2008/48/CE che mira a garantire un livello più elevato di protezione dei consumatori nella concessione dei crediti al consumo e a promuovere pratiche responsabili e trasparenti attraverso un’armonizzazione della normativa a livello dell’Unione europea.

La vecchia normativa non tiene evidentemente conto della crescente digitalizzazione che ha portato cambiamenti importanti nel mercato dei crediti al consumo: dai nuovi prodotti, ai nuovi operatori che propongono procedure di sottoscrizione più rapide e semplificate, spesso online.

Altro motivo per cui un aggiornamento si rende necessario è il profondo cambiamento del comportamento e delle preferenze dei consumatori, che da una parte si informano e acquistano sempre più online, dall’altra sono oggetto di pubblicità mirata, sempre online. È cambiata anche la modalità di valutazione del merito creditizio dei consumatori da parte dei prestatori che utilizzano sistemi automatizzati e fonti di dati non convenzionali.

Confronta prestiti per ogni finalità e risparmia fai subito un preventivo

Cosa stabilisce la nuova Direttiva

Obiettivo della Direttiva sul credito al consumo è “modernizzare e rafforzare la protezione dei consumatori a livello europeo, promuovendo pratiche responsabili e trasparenti da parte di tutti gli attori coinvolti”.

Le informazioni sull’offerta dei crediti dovranno essere presentate in modo chiaro e comprensibile, e dovranno essere adeguate ai dispositivi digitali utilizzati come canale di vendita.

C’è inoltre il tema importante della protezione dei consumatori dall’eccessivo indebitamento, attraverso una più profonda educazione finanziaria e una consulenza da parte degli operatori del credito, che dovranno di volta in volta valutare la capacità di rimborso del consumatore relativamente al debito contratto.

Inoltre, la nuova Direttiva del credito al consumo introduce ulteriori modifiche sui seguenti punti:

  • valutazione del merito creditizio, abolendo la possibilità per il creditore di concedere crediti in circostanze eccezionali, laddove la valutazione del merito creditizio sia negativa;
  • limitazione temporale del diritto di recesso a 1 anno e due settimane qualora le informazioni contrattuali non siano state comunicate al consumatore conformemente agli obblighi della direttiva;
  • obbligo di proteggere i consumatori da tassi di interesse troppo elevati o da costi eccessivi;
  • chiarimenti sulla procedura di abilitazione, registrazione e vigilanza di creditori diversi dagli enti creditizi e disposizioni in materia di sanzioni.

I prestiti soggetti alle nuove norme

La nuova Direttiva europea amplia rispetto alla vecchia i prodotti finanziari che dovranno rispettare le norme più rigorose stabilite per il credito al consumo. Oltre ai prestiti offerti da piattaforme crowdfounding e prodotti acquistati con la formula “compra ora, paghi dopo”, la nuova disposizione include:

  • il crowdfunding diretto;
  • i pagamenti e le carte di debito con addebito differito;
  • i contratti di locazione o leasing senza obbligo di acquisto del bene.

La tutela sul confronto delle offerte

Il canale di diffusione delle offerte commerciali è sempre più digitale e proprio per questo la posizione del Consiglio europeo è unificare i moduli di informazione precontrattuale utilizzati per le proposte commerciali ai consumatori: al fine di avere una maggiore chiarezza e una lettura immediata, le informazioni essenziali dovranno essere contenute sulla prima pagina del documento.

L’obiettivo è di permettere ai consumatori di confrontare le offerte dei prestiti in maniera più adeguata, avendo subito visibili gli elementi essenziali dell’offerta.

L’aspetto della trasparenza e della chiarezza diventa oggi cruciale se si pensa che gran parte degli istituti di credito offre la possibilità di richiedere i prestiti online e, sempre più spesso, effettuare la sottoscrizione sempre da remoto, con firma digitale.

A cura di: Paola Campanelli

Scopri le offerte

prestiti personali Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
cessione del quinto Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.