Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Prestiti garantiti fino a 25mila euro, l'iter per richiederli

Pubblicato il 09/05/2020

Finanziamenti fino a 25.000 euro con garanzia statale. Dal 17 aprile il portale del Fondo di garanzia per le Pmi consente alle banche di inviare le richieste per erogare finanziamenti che non superino il 25% dei ricavi totali dell'azienda. Il che vuol dire che si possono avere 25mila euro solamente nel caso in cui il fatturato sia di almeno 100mila euro.

La garanzia statale per i prestiti è stata introdotta con il Decreto Liquidità e fino a 25mila euro corrisponde al 100% della cifra totale. Inoltre è automatica, viene effettuata nell’immediato, una volta espletate le pratiche. Tempi relativamente brevi hanno generato, al 30 aprile, circa 30mila richieste.

Caratteristiche chiave

I prestiti richiedibili dalle PMI, persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni, devono avere:

  • una durata fino a 6 anni (72 mesi);
  • prevedere un periodo di pre-ammortamento di 24 mesi (l’impresa paga solo gli interessi in questo arco temporale);
  • l’importo finanziato non può superare il 25% dell’ammontare dei ricavi del richiedente e, comunque, non superiore a 25mila euro.

Nei casi di cessione o affitto di azienda saranno computati altresì l’ammontare dei ricavi risultanti dall’ultima dichiarazione dei redditi o dall’ultimo bilancio depositato dal cedente o dal locatore. Il tasso di interesse applicato a tali operazioni dovrà tenere conto dei soli costi di istruttoria e di gestione dell’operazione finanziaria.

Come richiedere il prestito

Le imprese che vogliono usufruire del prestito con la garanzia statale devono fare domanda compilando un modulo, scaricabile dal sito fondidigaranzia.it. Il modello viene compilato e inviato alla banca tramite mail, allegando inoltre un documento di riconoscimento valido.

L’operazione, quindi, avviene interamente in via telematica, senza necessità di andare allo sportello bancario. Per presentare la domanda è necessario inserire i dati dell’impresa o della persona e si deve certificare che il richiedente non abbia provvedimenti giudiziari in corso. Bisogna anche specificare se sono stati già ricevuti altri aiuti di Stato.

Nella domanda si deve riportare il dato sull’ultimo esercizio contabile, così come il codice Ateco dell’attività. Per soggetti costituiti dopo il 1° gennaio 2019, invece, per attestare i ricavi basterà un’autocertificazione oppure, specifica il modulo, altra documentazione idonea allo scopo. Ancora, bisogna dichiarare quali siano i danni economici riportati a causa dell’emergenza Coronavirus, così come spiegare per quali finalità viene richiesto il prestito: acquisto scorte, fido a breve per anticipo fatture o semplicemente liquidità.

I costi

Per quel che riguarda i costi dei finanziamenti, il decreto impone un meccanismo che fa riferimento al Rendistato (il costo ponderato del debito pubblico) più una maggiorazione. Intesa Sanpaolo - una delle principali banche del Paese - ha precisato che il decreto "prescrive che il tasso sia calcolato in modo rigoroso e infatti saranno applicati per tali finanziamenti tassi d’interesse ad oggi, già per legge, inferiori al 2% e su cui Intesa Sanpaolo agirà un ulteriore significativa riduzione".

Le sanzioni

Serve anche l’ok ai controlli, accertamenti documentali e ispezioni in loco presso le proprie sedi dei medesimi stessi, che il gestore del Fondo (gruppo di banche guidato da Mediocredito centrale) dovesse ritenere necessari. Ed è disciplinato il caso di revoche totali o parziali delle agevolazioni. Per indebita fruizione sono previste sanzioni (Dlgs 123 del 1998): da due a quattro volte l’importo dell’intervento.

A cura di: Sofia Fraschini

Parole chiave

prestiti imprese garanzia pagamenti rateali

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.