Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Il superecobonus tra detrazioni, sconto e cessione del credito

Gli istituti di credito hanno studiato diverse offerte mirate. E, in generale, tra le modalità principali ci sono prestiti dedicati o la cessione del credito d’imposta maturato, che consentirà di ricevere liquidità a un costo certo per tutta la durata dei lavori.

Pubblicato il 11/09/2020

ll superecobonus è ormai realtà, e permette – con l’efficientamento energetico degli edifici residenziali a costi nulli o quasi – di detrarre fino al 110% della somma spesa, tramite la cessione del credito direttamente alle banche o alle imprese che eseguono i lavori. In generale, si tratta di un rimborso in 5 anni delle spese affrontate per compiere i lavori di riqualificazione.

Agevolazioni con l’impresa

Ci sono diverse strade per ottenere questo tipo di agevolazione: sconto, detrazione o cessione. La prima è quella di contrattare con chi fa i lavori uno sconto in fattura. Lo sconto può coincidere anche con il 100% del prezzo, l’impresa poi a sua volta usufruisce del bonus o cede il credito. Se, invece, lo sconto è inferiore al 100%, la parte in capo al contribuente potrà essere ceduta o sarà oggetto di detrazione.

In campo le banche

Gli istituti di credito hanno studiato, poi, diverse offerte mirate. E, in generale, tra le modalità principali ci sono prestiti dedicati o la cessione del credito d’imposta maturato, che consentirà di ricevere liquidità a seguito del completamento dei lavori e del passaggio del credito nel cassetto fiscale della banca, a un costo certo per tutta la durata dei lavori.

Un'altra via possibile è quella che riguarda il finanziamento a stato avanzamento lavori (SAL) in abbinata alla cessione del credito di imposta maturato, che consente di avviare e completare gli interventi in base all’avanzamento del progetto. Nel primo caso, il contribuente dovrà provvedere ad anticipare le spese dei lavori e alla fine, dopo avere completato le attività amministrative previste dalla legge, potrà cedere alla banca il credito vantato nei confronti dell'Agenzia delle Entrate a seguito del completamento dei lavori (o anche a SAL), senza attendere il recupero tramite le quote annuali previste dalla normativa.

Per quanto concerne la seconda soluzione proposta, invece, consente di ricevere un supporto finanziario per avviare i lavori e utilizzare il credito fiscale maturato e ceduto alla banca per rimborsare in tutto o in parte il finanziamento. Questa soluzione permette al contribuente di non anticipare le spese per i lavori, in quanto la soluzione di finanziamento prevista è quella del finanziamento a SAL (Stato Avanzamenti Lavori) che consente di ottenere l'importo previsto per sostenere gli interventi, suddiviso in tranche in corrispondenza degli acconti che si dovranno pagare al fornitore che realizza i lavori.

Interventi

Queste agevolazioni sono consentite per interventi di isolamento termico (cappotto termico) in condominio o sulle case singole; sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con caldaie a condensazione e a pompa di calore, in condominio o nelle case singole; adozione di misure antisismiche, acquisto di case antisismiche; installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica sugli edifici, e relativi sistemi di accumulo; installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici, eseguita congiuntamente ad uno degli interventi trainanti di riqualificazione energetica.

L'opzione dello sconto in fattura e della cessione del credito può essere esercitata anche per la realizzazione di interventi agevolati con altri bonus: interventi di recupero del patrimonio edilizio agevolati con il bonus ristrutturazioni, interventi di riqualificazione energetica, previsti dall’articolo 14 del DL 63/2013, agevolati con l’ecobonus tradizionale; interventi di recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti, agevolati con il bonus facciate; l’installazione di impianti fotovoltaici sugli edifici, non effettuata congiuntamente agli interventi trainanti agevolati con il superbonus 110%; l’installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici non effettuata congiuntamente agli interventi trainanti agevolati con il superbonus 110%.

A cura di: Sofia Fraschini

Parole chiave

ristrutturazione casa ecobonus agevolazioni

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.