logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI
Numero Verde: 800 97 97 90
Logo PrestitiOnline.it

Finanziamento protetto: che cos’è e come funziona

1/09/2018

Finanziamento protetto: che cos’è e come funzionaSempre più spesso, le famiglie italiane si rivolgono ad istituti di credito e finanziarie per richiedere un prestito personale. Lo evidenzia il rapporto mensile Abi, Associazione Bancaria Italiana: al giugno di quest’anno, l’erogazione di prestiti ai privati ha registrato un incremento del 2,6% su base annua.

Negli ultimi mesi, come evidenziato nella news "Prestiti: volumi ai livelli pre-crisi", l’andamento dei prestiti ha registrato un segno più costante: secondo il Sistema di Informazioni Creditizie di Crif (Centrale Rischi Finanziari), che analizza ogni mese i dati relativi a oltre 85 milioni di posizioni creditizie, nel primo semestre c’è stato un incremento delle richieste del 3,7%, rispetto al corrispondente periodo del 2017.

Oggigiorno sul mercato sono disponibili molteplici prodotti e non sempre è facile capire qual è il più adatto alle proprie esigenze. Una delle principali incognite è rappresentata dalle eventuali coperture assicurative legate al prestito: esse non sono sempre obbligatorie e comportano spese aggiuntive, da valutare attentamente al momento della sottoscrizione del contratto.

Finanziamento protetto: cos’è e come funziona

La terminologia finanziamento protetto va ad indicare un prestito coperto da polizza assicurativa. In genere, al momento del preventivo, viene proposta una copertura assicurativa per tutelare la banca o la finanziaria da eventuali morosità del cliente

Grazie alla polizza assicurativa, in caso di impedimenti o criticità che ostacolano il regolare pagamento delle rate, la banca è ugualmente tutelata. Di solito le polizze assicurative a copertura di un prestito coprono il rischio di decesso dell'assicurato, di invalidità totale permanente, la perdita dell'impiego, la cessazione involontaria dell'attività lavorativa dovuta a un evento straordinario, il ricovero ospedaliero o un'inabilità temporanea totale a seguito di infortunio e malattia.

Nel nostro approfondimento "Assicurazioni sul prestito: cosa bisogna valutare", avevamo esaminato le principali differenze tra polizze obbligatorie e facoltative. Al netto della cessione del quinto, che prevede per legge una polizza obbligatoria, gli altri finanziamenti non devono essere necessariamente protetti da una copertura ad hoc.

Il consumatore, all’atto della sottoscrizione del prestito, deve valutare attentamente se la polizza può costituire una maggior tutela, anche in relazione agli eventuali costi da sostenere, che impattano sul costo finale del prestito.

Ricordiamo che, per effetto dell Decreto Legge 1/2012 (cosiddetto “Cresci Italia”), recante “Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività”, banche e finanziarie hanno l’obbligo di sottoporre al potenziale sottoscrittore del finanziamento almeno due preventivi di polizze assicurative sulla vita, di due diverse compagnie non riconducibili all’ente erogatore.

Il cliente può rifiutare i contratti di assicurazione sulla vita offerti dall’ente erogante, scegliendo liberamente sul mercato una polizza assicurativa ramo vita più vantaggiosa o più adeguata alle proprie esigenze.

Le offerte di fine estate su PrestitiOnline.it 

Scegliere il finanziamento più adatto alle proprie esigenze è semplice, se si utilizza un comparatore come PrestitiOnline.it: in pochi click, selezionando importo, finalità del prestito e durata, è possibile visionare un’ampia gamma di proposte. Inoltre, cliccando sulla scheda tecnica, si accede ad una raccolta dettagliata delle caratteristiche di ciascun prodotto, tra cui le eventuali coperture assicurative, con i relativi costi.

Facciamo un esempio al 31 agosto, ipotizzando di richiedere un prestito liquidità con un importo pari a 15.000 euro, da rimborsare in 72 mesi.

L’offerta più conveniente al momento è il prestito personale di Younited, con una rata mensile di 268,94 euro e Taeg pari al 6,62%. Le spese iniziali di istruttoria sono pari a 852,50 euro; le spese assicurative sono facoltative e ammontano all’1,50% dell’importo finanziato.

ll cliente può sempre, di sua iniziativa, rimborsare in anticipo, in tutto o in parte, il credito che gli è stato concesso. Se l’importo del rimborso anticipato è superiore a 10.000 euro, come nella simulazione effettuata, il cliente dovrà versare a Younited un indennizzo pari a:

  • 1% se la durata residua del contratto è superiore a 1 anno;
  • 0,5% se la durata residua del contratto è pari o inferiore a 1 anno.

L’indennizzo non può, in ogni caso, superare l’importo degli interessi che il cliente avrebbe pagato per la durata residua del contratto. 

A cura di Alessia De Falco
Come valuti questa notizia?
Finanziamento protetto: che cos’è e come funziona Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
Numero Verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI