logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
Numero Verde: 800 97 97 90
Logo PrestitiOnline.it

Prestiti tra privati, la rata diventa più leggera

01/10/2019

Prestiti tra privati, la rata diventa più leggeraIndebitarsi sta diventando sempre più semplice. E non solo per il diffondersi della digitalizzazione. La politica ultra-espansiva della Banca centrale europea (nell’ultimo meeting del 12 settembre ha tagliato i tassi sui depositi, portandoli a -0,50% e ha annunciato un nuovo quantitative easing da 20 miliardi di euro al mese) ha spinto i tassi di interesse ai minimi storici. Vale per i mutui, ma vale anche per i prestiti personali e finalizzati. Così oggi chi vuole avere un finanziamento per ristrutturare la casa, 5.000 euro da restituire in 48 mesi, pagherà mediamente un Taeg tra il 5,75% e il 7 per cento. Per fare qualche esempio, Agos chiede un tasso del 6,70%, Findomestic del 5,75% e Younited del 6,25% (simulazione effettuata su PrestitiOnline.it il 30/09/2019). Ma se si ha un merito di credito molto elevato e si è avvezzi all’utilizzo di Internet, c’è un altro canale che il consumatore ha a disposizione per strappare tassi ben più vantaggiosi: è il canale dei prestiti tra privati (social lending).

Prestiti tra privati, l’offerta italiana

In Italia sono attive diverse piattaforme, tra cui Smartika e Prestiamoci. Sulla prima, 5mila euro da restituire sempre in 48 mesi possono essere finanziati a un tasso del 5,6% se si ha un’ottima storia creditizia (in caso contrario, il tasso può arrivare fino al 9,4%); su Prestiamoci, invece, il profilo eccellente (ha un merito di credito molto elevato) pagherà un Taeg del 5,95% (per il profilo G, ovvero se il richiedente ha una valutazione appena sufficiente, il tasso schizza al 14,28%).

I comparatori

Per trovare l’offerta più conveniente è possibile appoggiarsi ai comparatori online, come PrestitiOnline.it, dove è sempre possibile informarsi sulle migliori offerte di prestito personale del giorno e fare anche richiesta di finanziamento. Utilizzarlo è molto semplice. Nella schermata principale bisogna inserire tutte le informazioni richieste, dall’importo del prestito alla durata, dalla finalità del finanziamento all’eventuale assicurazione accessoria. Cliccando su “mostrami i prestiti” sarà poi possibile visualizzare tutti i preventivi, inclusi quelli delle piattaforme di social lending e inoltrare anche la richiesta di prestito tramite il sito.

I vantaggi

Il vantaggio principale del social lending è sicuramente la competitività dei tassi di interesse, con uno “sconto” rispetto al canale più tradizionale (banche e finanziarie) che può arrivare anche a 200 punti base (il 2%) se la storia creditizia è delle migliori. Un pricing che le piattaforme di prestiti tra privati riescono a offrire grazie a una struttura di costi nettamente inferiore. Poi c’è il vantaggio della comodità. Si fa tutto online, direttamente dal proprio pc. Per avere un esito alla richiesta di finanziamento nel giro di 24-48 ore. E se si vuole chiudere il prestito prima della scadenza naturale lo si può fare in qualsiasi momento, senza penali e senza pagare interessi sulla parte restituita in anticipo.

Il funzionamento

Richiedere un finanziamento attraverso le piattaforme di social lending, o prestiti tra privati, è molto semplice. Basta registrarsi sul sito ed effettuare la richiesta direttamente online. Bisognerà poi fornire tutti i documenti richiesti, tra cui quelli di reddito, che saranno soggetti a verifica. Ultimati i controlli arriverà l’esito della richiesta e se positivo si riceverà un contratto da firmare. Dopodiché la somma richiesta sarà accreditata direttamente sul conto corrente, su cui poi ogni mese verrà addebitata la rata. Il tasso applicato dipenderà dal merito di credito del richiedente e può variare da un minimo del 5,4%, se la storia creditizia è eccellente, fino al 14,28%, se il giudizio è solo sufficiente.

Chi può accedervi

Per chiedere un prestito sulle piattaforme di social lending è necessario essere maggiorenni, avere un reddito da lavoro dimostrabile, che dovrà essere tale da rendere sostenibile la rata (di norma quest’ultima non deve superare il 30-35% del reddito netto), ed essere titolari di un conto corrente. Affinché la rata sia sostenibile, poi, è importante non avere alti livelli di indebitamento. Inoltre, in caso di gravi precedenti di insolvenza difficilmente si riuscirà a ottenere il via libera alla richiesta di finanziamento.

A cura di Gabriele Petrucciani
Come valuti questa notizia?
Prestiti tra privati, la rata diventa più leggera Valutazione: 4,7/5
(basata su 3 voti)
Segnala via email Stampa
Numero Verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI