logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
Numero Verde: 800 97 97 90
Logo PrestitiOnline.it

Il capitolo casa in cima alle richieste di prestiti

09/06/2019

Il capitolo casa in cima alle richieste di prestitiIl consumatore italiano conferma di avere al centro dei propri desideri la casa, mentre la sua passione per l’auto ha consolidato il secondo posto nelle priorità durante i primi mesi nel 2019. Tuttavia uno sguardo ai grafici rivela come gli investimenti immobiliari abbiano subito un ripiegamento dal picco storico toccato lo scorso anno, mentre c’è stata una contestuale accelerazione di quelli per i mobili e spunti più vivaci per i due capitoli riferiti all’auto.

È quanto emerge dal più recente Osservatorio Prestiti di PrestitiOnline.it, secondo il quale quest’anno (statistiche a tutto maggio) una grande fetta, 36,7% del totale, dei finanziamenti richiesti è stata orientata all’abitazione, tra ristrutturazione (20,9%) e arredamento (15,8%).

Sono dati in sintonia con quelli registrati negli anni passati. Il 2018 ha visto gli italiani investire nella casa il 37,3% dei prestiti chiesti (23,9% nella ristrutturazione e 13,4% nell’arredamento), un record dopo il 36,3% del 2017 (rispettivamente 23,6% e 12,7%).

I bonus restano i propellenti del settore

A dare ancora propellente a questo capitolo di spesa è la proroga (a tutto il 2019) dei bonus di vario genere decisa dal Governo, sia per gli interventi di riqualificazione energetica sia per l’acquisto di mobili o di grandi elettrodomestici.

Nel dettaglio, entro il 31 dicembre i cittadini potranno beneficiare delle detrazioni fiscali maggiorate (fino al 65%) per chi effettua ‘manutenzione’ dell’immobile all’insegna del risparmio energetico. Le agevolazioni fiscali per l’acquisto di mobili e/o di grandi elettrodomestici (di classe almeno di A+) arrivano al 50%, fino a un massimo di 5mila euro (spalmabile in dieci anni).

L’automobile si conferma il secondo amore

L’automobile, nonostante i problemi incontrati nell’applicazione delle nuove norme sull’inquinamento e quelli riscontrati dalle macchine a diesel, come spiegato nella news "Il prezzo delle auto usate crolla per la demonizzazione del diesel", ha trovato lo spazio per confermarsi il secondo amore del consumatore italiano.

Quest’anno, a tutto aprile, le richieste di prestiti destinati al settore auto sono ammontate al 27,4% del totale: in particolare il 20,0% alle vetture usate e il 7,4% a quelle nuove o a km zero. Nel 2017 ammontavano complessivamente al 26,6% (19% quelle usate e 7,6% quelle nuove).

Ma l’investimento per la casa ‘corre’ meno

Per quanto riguarda le erogazioni dei prestiti lo scenario non cambia nella sostanza, ma appare più chiaro il divergente comportamento del settore casa da quello dell’auto.

Quest’anno per il canale abitazione sono stati erogati complessivamente il 46,1% dei prestiti (contro il 49,6% dell’intero 2018), con quelli verso le ristrutturazioni che hanno coperto il 30,2% (34,6% lo scorso anno) e il restante 15,9% destinato al mobilio (15% l'anno scorso).

I prestiti concessi per il comparto automobile nel periodo gennaio-maggio sono ammontati al 30,4% del totale (28,6%), con quelli per le auto usate pari al 21,1% (19,1%) e quelli per le auto nuove pari al 9,3% (9,5%).

Meno prestiti lunghi, cala l’importo medio

L’analisi delle richieste di prestiti per durata mostra un forte calo di quelli a lungo (al 2,7% quelli decennali dal 7,3% del 2018, al 3,3% dal 4% quelli a otto anni), un quadro contrastato quelli di durata media, e un diffuso aumento (fino ai cinque anni) di quelli più brevi.

Contestualmente l’importo medio delle richieste è tornato a calare per la prima volta (nelle rilevazioni semestrali) dalla prima parte del 2016, passando in questa frazione del 2019 a 11.314 euro dai 12.099 registrati durante lo scorso anno.

Vivaci le richieste di prestiti dai consumatori ‘maturi’

L’Osservatorio di PrestitiOnline.it evidenzia come il mercato sia stato caratterizzato dalla vivace richiesta proveniente dai consumatori considerati maturi, come quelli compresi nelle fasce di età tra 46 e 55 anni (al 27,1% del totale dal 24,7% del secondo semestre 2018) e oltre i 55 anni (al 16,5% dal 14,6%). Orientamento negativo invece per tutte le altre fasce di età. Un quadro simile emerge anche se si guarda il grafico delle erogazioni.

Nel frattempo, in questo scorcio del 2019 i tassi di interesse hanno continuato a girare sui minimi storici. A questo proposito si può consultare il sito PrestitiOnline.it per avere una panoramica aggiornata delle migliori offerte praticate dagli istituti di credito e fare la scelta migliore in base alle proprie esigenze.

A cura di Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Il capitolo casa in cima alle richieste di prestiti Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Auto: segnali di ripresa per le vendite a novembre pubblicato il 07 dicembre 2019
Auto: forte aumento immatricolazioni in ottobre pubblicato il 11 novembre 2019
Auto: le immatricolazioni rimbalzano a settembre pubblicato il 22 ottobre 2019
Natale 2019: la corsa per i regali è già partita pubblicato il 09 dicembre 2019
I prestiti al centro dell’attenzione degli italiani pubblicato il 26 agosto 2019
Numero Verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI