logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
Numero Verde: 800 97 97 90
Logo PrestitiOnline.it

Frodi creditizie: nel 2018 oltre 27mila, boom delle vittime senior

14/08/2019

Frodi creditizie: nel 2018 oltre 27mila, boom delle vittime seniorIn Italia le frodi fatte tramite il furto d’identità continuano ad avere una forte incidenza sul settore del credito al consumo. Nel 2018, secondo l’Osservatorio ‘Furti d’identità e le frodi creditizie’ realizzato da Crif–Mister Credit, nel nostro Paese si sono verificati oltre 27mila casi di questo tipo con un importo medio di circa 5mila euro.

Complessivamente la perdita economica stimata ha superato i 135 milioni di euro. I casi di frode con un importo tra i 1.500 e 3mila euro sono pari al 22,5% del totale e sono aumentati del +33% annuo. Sono calati leggermente i casi di frode con importi sotto i 1.500 euro (-3,2%), mentre sono più che raddoppiati quelli con importo tra 3mila e 5mila euro (al 19,6% dal 9,3% del 2017), mentre mantengono una quota di circa il 10% le frodi con importo superiore a 20mila.

Questo tipo di truffe è risultata in preoccupante ascesa tra gli over 60, fascia dove sono cresciute del 14,7% annuo con un importo più che raddoppiato (salito a 3-5mila euro), mente è diminuita l’incidenza sia nei 31-40enni (-7,6%), sia negli under 30 (-3,5%).

In ogni caso, la fascia di età più colpita rimane quella dei 41-50enni, che raggruppa circa un quarto delle vittime.

Campania al primo posto, seguono Lombardia e Lazio

Nel dettaglio, la ripartizione delle frodi creditizie per sesso evidenzia come la maggioranza sia ancora una volta degli uomini (61,6% del totale), con una quota’ in crescita rispetto al 2017. La statistica delle frodi per regione di residenza dichiarata al momento della richiesta del finanziamento mostra una maggiore incidenza dei casi in Campania (16,5% del totale), seguita da Lombardia (11,6%), Lazio (11,2%) e Sicilia (10,2%).

Sono, precisa l’analisi, le stesse regioni che nel 2017 occupavano i primi posti, ma con la novità del primo posto occupato dalla Campania a scapito della Sicilia, scesa in quarta posizione. Dall’analisi emerge come alcune regioni minori (esempio Molise e Abruzzo) spicchino nella classifica per una incidenza particolarmente elevata rispetto ai volumi di credito concessi alle famiglie.

Tra le tipologie di finanziamento oggetto di frode, il prestito finalizzato continua a fare la parte del leone: i casi di frode che interessano questa tipologia di prodotto di credito registrano un incremento di circa il +28% rispetto al 2017, arrivando a spiegare quasi 3 casi su 4, con un importo medio di 6.400 euro.

Prestiti finalizzati per acquisto fraudolento di elettrodomestici

Nei prestiti finalizzati ottenuti in modo fraudolento, il 32,7% ha per oggetto l’acquisto di elettrodomestici, ma quote rilevanti hanno interessato il comparto auto/moto (11,8%), l’arredamento (9,9%), le spese per la casa (9,7%) e gli acquisti di prodotti di elettronica, informatica e telefonia (8,5%).

Pur restando al secondo posto (col 12,7% dei casi), le carte di credito confermano il trend in calo iniziato nel primo semestre 2017. Anche i casi di frode sui prestiti personali sono in forte flessione (-23% annuo).Per quanto riguarda invece il tipo di bene in rapporto ai volumi di crediti erogati, spicca l’incidenza dei finanziamenti ottenuti in modo fraudolento per l’acquisto di viaggi e intrattenimento e quelle su consumi e spese per la casa (immobili/ristrutturazione).

I tempi di scoperta tendono a concentrarsi principalmente sua due categorie: da un lato quasi il 54% dei casi viene scoperto entro 6 mesi, dall’altro lato continuano a emergere frodi messe in atto 3, 4 e addirittura 5 anni prima che vengano intercettati (con +2,6% sul 2017).

Emerge che la maggior parte dei casi scoperti entro i 6 mesi riguardano importi inferiori a 5mila euro (60,8%), mentre le frodi con importi superiori ai 10mila euro necessitano di tempi più lunghi (in particolare il 14,9% richiede oltre 5 anni).

Crif: oggi i ladri entrano in rete, tramite email o social network

È confermato l’utilizzo preponderante della carta d’identità (contraffatta/ rubata), come documento in quasi l’80% dei casi, seguito dalla patente (18%). Oggi, ha affermato Beatrice Rubini, direttore di Mister Credit, “i ladri non sono più solo coloro che si introducono in casa per rubare oggetti di valore, ma sempre più spesso sono interessati ai dati riservati che possono aprire loro le porte dei nostri account di posta elettronica e social network, conti correnti e carte di credito, con pesanti conseguenze per chi subisce frodi e furti d’identità”.

Durante l’estate, ammonisce, “questo fenomeno si intensifica ulteriormente, ad esempio a causa delle truffe legate alle vacanze, con tante persone che ingenuamente rispondono ad annunci apparentemente vantaggiosi, fornendo persino copia dei propri documenti senza pensare che possano finire nelle mani di un malintenzionato”.

Dotarsi di sistemi di sicurezza tecnologicamente avanzati

Pertanto, suggerisce Rubini, “allo stesso modo in cui installiamo un sistema di allarme per difendere la casa, anche per proteggere i nostri dati e la nostra identità bisognerebbe adottare comportamenti accorti e dotarsi di adeguati servizi di protezione, in grado di allertarci al primo segnale di pericolo: ad esempio, un sms collegato all’utilizzo della carta di credito o sistemi di alert che avvisano se viene richiesto un finanziamento a nostro nome, possono evitare sgradite sorprese”.

Per chi volesse un prestito personale e, anche percorrere una via più semplice, può consultare PrestitiOnline.it, sito dove può comparare le offerte più aggiornate delle banche, disegnare un finanziamento su misura e anche sottoscriverlo. Per difendersi dal torrido caldo che sta interessando l’Italia potrebbe essere un’idea quella di dotare la propria casa di aria condizionata, e la notizia dal titolo “Acquisti un climatizzatore? Scegli 3 modi per risparmiare con gli incentivi” suggerisce i modi per cogliere il più conveniente.

A cura di Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Frodi creditizie: nel 2018 oltre 27mila, boom delle vittime senior Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
Numero Verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI