logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI
Numero Verde: 800 97 97 90
Logo PrestitiOnline.it

Bonus casa 2019: ristrutturazioni e grandi agevolazioni possibili

3/04/2019

Bonus casa 2019: ristrutturazioni e grandi agevolazioni possibiliI contribuenti italiani intenzionati a ristrutturare la loro casa potranno contare sugli sgravi fiscali consentiti grazie al Bonus Casa 2019. Questa agevolazione, avviata nel 1997 con la ratifica della Legge N°449 in via sperimentale, è stata stabilizzata nel 2011 e prevede detrazioni fiscali che, in alcuni casi, possono essere davvero molto interessanti.

Abbiamo già parlato di questo argomento in "Bonus casa ed Ecobonus tornano alle stesse condizioni" ma è molto importante ritornare sul tema per capire bene il funzionamento di questo tipo di agevolazione fiscale.

Come funziona il bonus casa 2019

Di fatto prevede una decurtazione sul versamento annuale dell’Irpef; in pratica, secondo la somma che si spende per la ristrutturazione immobiliare, si otterrà una detrazione del 50% dell’Irpef su una spesa massima di 96.000 euro. Agevolazione dedicata sia alla singola unità immobiliare, sia per lavori di ristrutturazione condominiale, qualora questi prevedano interventi sulle parti comuni.

Ma attenzione: la detrazione fiscale sarà “spalmata” in quote annuali per una durata di dieci anni.

Facciamo un esempio concreto che esplichi quanto appena descritto: poniamo il caso che si decida di ristrutturare casa e che si spendano 85.000 euro in totale.

In questo caso la detrazione, pari al 50% sull’imponibile, sarà pari a 42.500 euro. Questa cifra sarà decurtata in un periodo di 10 anni, attraverso una detrazione sull’Irpef pari a 4.250 euro per ogni anno.

Interventi di ristrutturazione che rientrano nel Bonus Casa

Non tutte le opere di ristrutturazione rientrano, però, nel Bonus casa. Le detrazioni fiscali previste, infatti, sono dedicate esclusivamente a lavori di manutenzione superiore oppure di manutenzione straordinaria. Queste comprendono, per esempio, modifiche sostanziali alla planimetria dell’appartamento, oppure per modifiche all’impiantistica dell’immobile e, in questo secondo caso, rientrano anche le spese sostenute per effettuare la messa in opera dei nuovi impianti.

Se, per esempio, si deve abbattere un tramezzo e cambiare il pavimento proprio a causa della modifica realizzata, ecco che entrambe le opere rientreranno nell’agevolazione fiscale. Nessuna agevolazione è invece prevista nel caso in cui si decidesse di modificare i pavimenti per puro desiderio di cambiamento: in questo caso si tratterebbe, infatti, di opere ordinarie e non agevolate.

Altri esempi di opere ammesse per rientrare tra i beneficiari del Bonus Casa 2019: abbattimento delle barriere architettoniche – in questo caso sono previste anche le ristrutturazioni condominiali – oppure lavori di miglioramento dell’efficienza energetica, ma solo se non sono previsti nel cosiddetto Ecobonus.

Sono compresi anche i lavori per la messa in sicurezza oppure per effettuare il cablaggio, che consiste nel fornire all’edificio un adeguamento per quanto riguarda, per esempio, l’energia elettrica o la connettività in fibra ottica.

Al di fuori di questo tipo di opere di ristrutturazione e adeguamento, il bonus non può essere richiesto.

Ottenere un prestito per ristrutturare casa? Si può

Qualcuno si starà chiedendo: “Vorrei tanto ristrutturare la mia casa, abbattere quel tramezzo o mettere in sicurezza l’immobile. Ma come faccio ad accedere al credito”? Domanda lecita. La risposta esiste ed è una buona notizia.

Si sappia, innanzitutto, che il trend per ciò che riguarda i prestiti finalizzati alla ristrutturazione della casa sta avendo un andamento positivo. Un dato per tutti: dal 2009 al 2018 la percentuale di prestiti concessi per la ristrutturazione immobiliare è aumentata del 4%. E se nel 2009 la percentuale di prestiti concessi toccava quota 31,6% sul totale complessivo, nel 2018 questa percentuale ha toccato quota 34,6% e il trend è tutto in positivo, come si evince dalla situazione relativa ai primi tre mesi del 2019, con una percentuale di prestiti già erogati è pari al 32%. Non male…

Complice anche la diffusione dei bonus dedicati a questi scopi, le banche sono molto più propense alla concessione di prestiti di questo genere, che consentono non solo di migliorare l’aspetto architettonico quanto di implementare aspetti tecnici che, oggi, sono molto importanti sia per ciò che riguarda l’energia sia per quanto concerne la sicurezza.

Ristrutturazione della casa: ora puoi fare un preventivo immediato

Grazie al web, oggi è possibile realizzare azioni che prima erano impensabili. Come, per esempio, fare da soli un preventivo per ottenere un prestito personale. Attraverso l’inserimento di pochi dati nell’apposito modulo comparativo per prestiti personali, si ottengono - immediatamente – tutte le soluzioni possibili, proposte dai vari istituti di credito.

Sarà quindi molto più agevole verificare quali siano i migliori prestiti ristrutturazione e decidere di conseguenza.

Un modo semplice, comodo e immediato per avviare una pratica che cambierà non solo l’assetto della propria casa, ma anche il futuro di chi vi abita.

A cura di Emilia Urso Anfuso
Come valuti questa notizia?
Bonus casa 2019: ristrutturazioni e grandi agevolazioni possibili Valutazione: 4,5/5
(basata su 2 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
I migliori prestiti di aprile 2019 pubblicato il 14 aprile 2019
I migliori prestiti ristrutturazione di marzo 2019 pubblicato il 25 marzo 2019
Con i tassi bassi i prestiti conquistano gli italiani pubblicato il 13 giugno 2019
Prestito sì, ma sempre con cautela pubblicato il 2 giugno 2019
I prestiti personali più convenienti di giugno 2019 pubblicato il 15 giugno 2019
Numero Verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI