logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI
Numero Verde: 800 97 97 90
Logo PrestitiOnline.it

Cessione del quinto o prestito personale? Quando la scelta è obbligata

19/02/2019

Cessione del quinto o prestito personale? Quando la scelta è obbligata

Tanto il prestito personale, quanto la cessione del quinto, sono finanziamenti a tasso fisso che hanno alla base un identico principio: offrire credito in cambio di interessi corrisposti mensilmente insieme alle rate di estinzione del debito. Tuttavia quello che cambia nelle due forme di prestito è la modalità di riscossione della rata, perché nel primo caso non è il debitore a corrisponderla ma il suo datore di lavoro trattenendola dallo stipendio, oppure direttamente l’Inps dal cedolino della pensione.

Quando è preferibile richiedere un prestito con la cessione del quinto?

Come riportiamo nella news “Cessione del quinto: le novità sui tassi di interesse”, il vantaggio riguarda entrambi i suoi attori: banca o finanziaria e richiedente. 

Per le prime il rischio è ridotto al minimo, visto che a fare da intermediari ci sono l’azienda o l’Inps, mentre il vantaggio per il soggetto richiedente è che non dovrà dare conto del suo passato creditizio, proprio perché la garanzia sarà spostata sulla sua condizione attuale e sulla presenza di un “garante” che ne assicuri la capacità di assolvere al debito ogni mese.

La cessione del quinto è la soluzione percorribile quando si ha difficoltà ad accedere ad altre forme di finanziamento, perché si può richiedere anche con uno storico creditizio problematico, ad esempio in presenza di insoluti con altre finanziarie o in caso di protesti, pignoramenti o ipoteche legali.

Altro vantaggio di questa formula è che è praticabile anche se si è stati appena assunti (avendo però superato i primi tre mesi del periodo di prova) e quando si ha un’età superiore a quella limite consentita per un prestito, in genere 75 anni.

Infine, la cessione del quinto consente di richiedere una somma di denaro senza comunicarne la finalità e offre la possibilità di consolidare eventuali altri debiti in corso, raggruppando le varie mensilità in un’unica rata più sostenibile.

Limiti e obblighi della cessione del quinto

Per contro, questo tipo di prestito comporta alcuni limiti. Il primo è l’obbligo di sottoscrivere un’assicurazione vita nel caso dei pensionati o rischio impiego per i dipendenti, che garantisca in caso di mancato pagamento la copertura dell’importo ancora dovuto eventualmente eccedente il TFR cumulato. L’importo erogato sarà al netto del costo della polizza e sarà trattenuto direttamente dall’istituto finanziatore.

Altro limite della cessione del quinto è il suo maggiore costo, dovuto ai tassi più elevati rispetto a un normale prestito. Per valutare il costo di un finanziamento e la sua effettiva convenienza, ricordiamo che il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha indicato, con il decreto 21 dicembre 2018, i tassi effettivi globali medi (TEGM) praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari, rilevati dalla Banca d’Italia e in vigore nel periodo dal 1° gennaio al 31 marzo 2019. Allo stesso modo, l’Inps ha stilato una tabella con i tassi soglia Taeg da utilizzare per i prestiti concessi ai pensionati.

Come trovare il prestito con cessione del quinto più conveniente sul mercato

PrestitiOnline.it, il comparatore online di prestiti, dispone di una intera sezione dedicata alla cessione del quinto con la possibilità di raccogliere quante più informazioni possibili e ottenere un preventivo personalizzato.

Se simuliamo la richiesta da parte di un impiegato privato di Milano, assunto a tempo indeterminato con uno stipendio di 2.000 euro al mese e che sceglie di pagare una rata di 300 euro al mese per 84 mesi (importo rata max consentita 433 euro al mese), sarà CreditOnline a fornire la soluzione migliore. All’11 di febbraio il netto erogato sarà di 19.025,03 euro al Tasso fisso del 7,37% e Taeg 8,70%. Le spese da sostenere inizialmente sono di 616,00 euro per l’istruttoria della pratica, mentre tutte le altre spese sono zero. È inoltre prevista la sottoscrizione obbligatoria di un’assicurazione rischio vita o rischio impiego che garantisca, in caso di mancato pagamento, la copertura dell’importo ancora dovuto.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Cessione del quinto o prestito personale? Quando la scelta è obbligata Valutazione: 5/5
(basata su 2 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
I prestiti più convenienti di maggio 2019 pubblicato il 15 maggio 2019
Prestiti: auto e casa le priorità degli italiani pubblicato il 6 marzo 2019
I migliori prestiti di marzo 2019 pubblicato il 11 marzo 2019
Prestiti: domanda in fermento e importi da record pubblicato il 3 dicembre 2018
Auto: il trend opposto tra mercato e prestiti pubblicato il 14 febbraio 2019
Numero Verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI