logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI

Prestiti: ristrutturazione e auto usata ancora in testa alle spese

13/06/2018

Sono ancora la casa e l’auto, nell’analisi di maggio dell’Osservatorio di PrestitiOnline.it, le priorità degli italiani che decidono di ricorrere a un prestito.

Due spese che rappresentato bene la cultura italiana e che occupano nelle richieste rispettivamente il 23,5% e il 19,4%. A seguire troviamo la liquidità, finalità che riguarda il 15,8% della domanda

L’Osservatorio ci offre anche il dato dalla parte delle erogazioni: banche e finanziarie avrebbero finanziato per il 32,5% la ristrutturazione della casa, nel 20,0% dei casi ancora una volta l’auto usata e per il 15,2% l’arredamento. L’unico scollamento tra domanda e offerta è dunque nella finalità liquidità, che viene concessa dalle finanziarie con più cautela rispetto agli altri prestiti.

Come abbiamo avuto modo di scrivere in "Tutto quello che c’è da sapere prima di chiedere un prestito", secondo l’istituto erogatore la richiesta potrebbe andare a saldare debiti relativi ad altre posizioni di credito aperte presso altre finanziarie. Per questo motivo le banche, sentendosi esposte a un rischio più elevato, tendono ad applicare a questo tipo di prestiti tassi di interesse molto più alti e a concederli con molta più parsimonia.

Cresce ancora l’importo medio

Dal 2012 gli italiani non avevano alzato così le loro richieste di prestiti, visto che l’ammontare medio domandato risulta pari a 11.276 euro (era 11.060 la seconda metà del 2017).

In crescita anche il dato sulle erogazioni con 11.497 euro, contro gli 11.383 euro del periodo precedente.

Quasi un terzo del campione rilevato, il 30,3%, ha domandato tra i 5.000 e i 10.000 euro, il 26,5% tra i 2.500 e i 5.000 euro e il 16,5% tra i 15.000 e i 25.000 euro.

Gli stessi intervalli prevalgono se ci spostiamo sulle erogazioni, con il 32,4% del campione che ha ricevuto in prestito tra i 5.000 e i 10.000 euro, il 24,3% tra i 2.500 e i 5.000 euro e ancora una volta il 17,1% tra i 15.000 e i 25.000 euro.

Importi più alti, durate più lunghe

Il buon rapporto degli italiani con i finanziamenti è rintracciabile anche nei piani di ammortamento richiesti. Crescono le fasce più alte dei 96 e 120 mesi, adesso al 3,8% e al 6,1%, così come quella dei 72 mesi ora al 13,6%. La percentuale più alta di richieste si ha per il periodo dei 60 mesi, con il 21,2% della domanda sul totale del campione rilevato.

Stessa durata - i 60 mesi - la più erogata dagli istituti, seguita dal 15,9% dei 48 mesi. Guadagnano le lunghe durate dei 72 mesi (12,0% contro 10,7%) e dei 96 mesi (5,8% contro 4,7% precedente).

Chi ricorre a un prestito?

È per il 43% del nord Italia, ha un’età tra i 36 e i 45 anni (33,5% del campione) e ha un lavoro autonomo nel 75,0% dei casi, con un reddito percepito fra i 10.000 e i 20.000 euro (nel 46,3% dei casi). Stesso dicasi per le erogazioni, ma con due importanti differenze di valori: la prima proprio nel reddito che vede prevalere la classe più alta dai 20.000 ai 30.000 euro per il 49,9% dei casi. L’altra riguarda il tipo di lavoro dei soggetti a cui viene concesso un finanziamento, che nell’86,1% dei casi ha un impiego a tempo indeterminato, segno che le banche richiedono maggiori garanzie ai loro clienti.

Tassi ancora in calo

È al 9,94% il tasso di interesse rilevato dei prestiti personali (prima 10,25%) e al 9,36% il tasso di interesse dei prestiti finalizzati (era 9,40%). Ma il record dei valori bassi spetta ancora una volta ai prestiti online, che con il 6,09% perdono 0,21 punti rispetto alla stagione precedente.

Per approfittare di tassi ancora più bassi rispetto a quelli rilevati nella media dall’Osservatorio, basta effettuare una comparazione su PrestitiOnline.it: è facile, sicura e completamente gratuita. Nella sezione dei prestiti migliori di oggi è possibile poi trovare l’elenco delle soluzioni in assoluto più convenienti per ogni finalità ed esigenza specifica di finanziamento.

Miglior prestito Auto

Solo a titolo di esempio, il miglior prestito auto per un impiegato di 40 anni residente in provincia di Milano che necessita di una somma di 10.000 euro per una durata di 90 mesi è quello di Findomestic Banca. Credito Auto finanzia l’acquisto di un’auto nuova, a chilometro zero oppure usata con una rata mensile di 138,01 euro al Tan del 5,95% e Taeg 6.11%. Il vantaggio di questo prestito è che la richiesta si sbriga completamente online con firma digitale e la gestione può avvenire poi via web, telefono o in agenzia, a seconda delle esigenze. Le spese accessorie sono zero. Una volta ricevuta la richiesta di finanziamento, Findomestic provvede a contattare telefonicamente il cliente e durante il colloquio fornisce tutte le informazioni sui passi necessari, oltre a eventuali personalizzazioni di durata. Findomestic provvederà a comunicare al richiedente l'esito della valutazione tramite contatto telefonico o tramite e-mail.

Miglior Prestito Ristrutturazione

Se supponiamo che la durata richiesta sia questa volta di 84 mesi, ancora una volta è Findomestic a proporre il prodotto migliore. Credito Lavori prevede una rata di 144,13 euro al Tan del 5,59% e Taeg 5,74%. Anche in questo caso la richiesta avviene in via del tutto digitale, mentre la gestione è multicanale. I documenti necessari alla procedura sono le fotocopie del documento d'identità, il codice fiscale, una bolletta di utenza intestata, l’ultimo modello unico per i lavoratori autonomi e le ultime due buste paga per i lavoratori dipendenti, oppure il cedolino pensione per i pensionati.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Prestiti: ristrutturazione e auto usata ancora in testa alle spese Valutazione: 5/5
(basata su 2 voti)
Segnala via email Stampa
PRESTITI PERSONALI
PrestitiOnline S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi presso OAM n. M18
Iscrizione RUI sez. E n. E000497146 presso IVASS
P. IVA 06380791001 - Copyright 2000-2018
logo Gruppo MutuiOnline
PrestitiOnline S.p.A. fa capo a Gruppo MutuiOnline S.p.A., società quotata al Segmento STAR della Borsa Italiana
Per ulteriori informazioni, visita www.gruppomol.it
 
Protected by Copyscape DMCA Copyright Detector