Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Prestiti: ritorna il segno più dei finalizzati

Pubblicato il 28/05/2018

Dopo una prima parte dell’anno in cui a segnare la crescita del comparto erano stati i prestiti personali, in aprile i prestiti finalizzati tornano a performare positivamente.

I dati del Barometro CRIF sull’andamento delle interrogazioni relative alle richieste di prestiti da parte delle famiglie segnano l’ennesimo rialzo: +2,2% di aprile verso lo stesso mese del 2017 e +2,3% nei primi quattro mesi di questo 2018. Ricordiamo che il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF raccoglie i dati relativi a oltre 85 milioni di posizioni creditizie di oltre l’80% degli istituti di credito sul mercato.

A contribuire alla incessante crescita ci sono questa volta non solo i prestiti personali, che segnano +3,1% nel confronto con lo scorso anno, ma anche quelli finalizzati, con +1,1% sempre su aprile 2017.

L’automobile in testa agli acquisti con prestiti finalizzati

A pesare in maniera determinante sulla crescita del comparto dei prestiti finalizzati c’è l’automobile, con l’82% dei prestiti richiesti con questa finalità, seguita con percentuali molto più piccole dall’arredamento (9%) e dall’elettronica (6%). Lo dicono i dati dell’Osservatorio Compass, secondo i quali gli italiani avrebbero richiesto nel 2017 circa il 10% di prestiti in più rispetto al 2016.

Ma che differenza c’è tra prestito personale e finalizzato?

Facciamo ancora una volta chiarezza su questi due aspetti del credito, perché hanno caratteristiche molto differenti. Come abbiamo avuto modo di riportare nella news "Prestiti personali e finalizzati: come scegliere", i prestiti finalizzati sono concessi da un istituto o società di credito direttamente all’esercente che vende il bene o servizio: in questo caso il denaro prestato dalla finanziaria non viene accreditato al cliente, ma proprio alla società che vende quel bene/servizio per cui si richiede il finanziamento.

Il vantaggio è che il finanziamento si ottiene direttamente presso il punto vendita, ma i soldi erogati sono in funzione dell’acquisto di un bene specifico.

Il prestito personale consente invece una maggiore flessibilità, perché può essere richiesto senza giustificare l’utilizzo che si farà del finanziamento ottenuto. La sua erogazione non è dunque subordinata all’acquisto di un bene o di un servizio specifico, e la banca ne dà disponibilità direttamente al cliente che ne fa richiesta, senza l’intermediazione di un venditore convenzionato.

Perché è bene specificare sempre la finalità del prestito

Tuttavia, come scriviamo in "Tutto quello che c’è da sapere prima di chiedere un prestito", quando si affronta la richiesta di un prestito è bene specificarne sempre la finalità. Banche e finanziarie confezionano infatti prodotti ad hoc a seconda del prestito che si va a finanziare e valutano sempre con cautela la generica richiesta di liquidità, che potrebbe ragionevolmente andare a saldare debiti relativi ad altre posizioni di credito aperte presso altre finanziarie. L’esposizione a un rischio più elevato fa sì che si applichino a questo tipo di prestiti tassi di interesse molto più alti.

Crescono ancora gli importi

Gli italiani vivono una condizione economica migliore e tornano ad avere fiducia nel credito. Il segnale è anche nel dato dell’importo medio richiesto, in continua crescita da oltre 3 anni, che nell’aggregato di prestiti personali e finalizzati si attesta a 9.616 euro, +6,3% rispetto a un anno fa. Scendendo nello specifico dei due tipi di prestiti, il dato sui finalizzati è di un importo medio richiesto di 6.641 euro, quello sui prestiti personali di 12.878 euro.

Quasi la metà delle richieste sono per importi piuttosto bassi: il 42,8% ha cercato somme fino a 5.000 euro, il 20,3% tra i 5.000 e i 10.000 euro. Tuttavia quasi una richiesta su quattro, il 24,2%, è per somme ricomprese tar i 10.000 e i 20.000 euro, intervallo che guadagna 1,3 punti percentuali sul 2017.

Cresce la durata dei piani di ammortamento

Un ulteriore segnale di crescita della confidenza con lo strumento prestiti arriva dalla durata dei piani di ammortamento e dalla fascia di tempo che supera i 5 anni, che non solo occupa ben il 27,2% del totale del campione, ma guadagna sullo scorso anno 2,4 punti percentuali. Un buon 16,0% richiede prestiti per durate dai 24 ai 36 mesi, un 14,5% dai 48 ai 60 mesi e ancora un altro 14,5% domanda finanziamenti da restituire entro 12 mesi.

L’età del richiedente-tipo

Ha un’età matura, tra i 45 e i 54 anni, un quarto del campione rilevato (25,5%), seguito dai 35-44enni che occupano il 23,1% del campione, mentre il 17,3% ha un’età compresa tra i 25 e 34 anni. A guadagnare punti è la fascia degli over 55, con lo 0,4% in più rispetto allo scorso anno e il 17,2% sul totale della domanda.

Il ruolo dei prestiti online

A contribuire in maniera importante a riconquistare gli italiani ci sono i prestiti online, le cui condizioni sono in genere di gran lunga più vantaggiose rispetto a un prestito richiesto in filiale. Le rilevazioni dell’Osservatorio di PrestitiOnline.it parlano di tasso medio di mercato delle migliori offerte online pari al 6,09%, il valore più basso dal lontano 2011.

Un ulteriore passo per trovare la soluzione più conveniente sul mercato del credito è cercarla su PrestitiOnline.it nella sezione i prestiti migliori di oggi, dove è possibile individuare ogni giorno il prestito in assoluto migliore per finalità e profilo del richiedente, in tempi brevissimi e in maniera completamente gratuita.

A cura di: Paola Campanelli

Scopri le offerte

Prestiti Personali

Confronta prestiti personali per ogni finalità e risparmia.

Confronta le offerte
Cessione del Quinto

Condizioni vantaggiose: scopri quanto risparmi con la cessione.

Confronta le offerte

Parole chiave

prestiti prestiti finalizzati prestiti personali tassi di interesse prestiti online

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.