Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Prestiti: numeri e trend dell’ennesima stagione fortunata

Pubblicato il 27/01/2018

Tassi in discesa, importi più elevati e durate più lunghe: queste le evidenze emerse dall’Osservatorio di PrestitiOnline.it nel terzo trimestre dell’anno.

Il dato è coerente con le rilevazioni di Bankitalia, che quantifica il trend positivo in un +2,8% dei prestiti alle famiglie nel mese di novembre e +0,3% quelli alle società non finanziarie (che in ottobre avevano subito un calo dello 0,5%).

Prestiti online: tassi mai così bassi dal 2011

Il 2017 si è chiuso con la migliore performance dell’anno: 10,23% per i prestiti personali (era 10,25% il trimestre precedente) e 9,40% per i prestiti finalizzati (prima 9,64%).

Ancora migliore la prestazione dei tassi delle migliori offerte dei prestiti online, che come scriviamo in "I prestiti ristrutturazione e l’occasione dei nuovi bonus", si confermano i più bassi dal primo trimestre del 2011, quando l’Osservatorio di PrestitiOnline.it aveva rilevato un tasso di interesse medio del 5,88%. A titolo di esempio, un prestito per ristrutturare casa di 20.000 euro della durata di 5 anni richiesto da un 35enne che risiede a Milano ha come offerta migliore in rete un prestito personale con un Tan del 5,45%, un Taeg del 5,64% e una rata mensile da corrispondere di 382 euro.

Il successo dei prestiti per la casa

Che la casa sia un patrimonio prezioso per le famiglie italiane lo confermano i dati della finalità ristrutturazione, in pole position nella classifica dei prestiti richiesti ed erogati dell’ultimo trimestre del 2017. Il 23,6% dei finanziamenti è stato domandato per ristrutturare casa, anche alla luce delle conferme arrivate dalla Legge di bilancio 2018 che ha rinnovato per il 2018 le detrazioni fiscali al 50% per i lavori sugli immobili di proprietà, mentre le banche hanno erogato il 34,8% dei finanziamenti con la stessa finalità.

Non solo ristrutturazione

Al terzo posto delle concessioni troviamo la finalità arredamento, con il 15,1% sul totale del campione. Il bonus mobili ed elettrodomestici potrebbe essere al suo ultimo anno, vista la manifesta volontà del Governo di eliminarlo e la smentita poi che si è resa necessaria dopo la richiesta a gran voce di prolungamento da parte delle Associazioni dei consumatori.

Importante nella lista di richieste di prestiti da parte degli italiani anche la finalità auto usata, che si piazza ancora al secondo posto con il 19,8% sia dal lato della domanda che da quello delle concessioni. La richiesta di liquidità per far fronte a spese sopraggiunte o impreviste è terza nelle richieste con il 17,0% e quarta nelle concessioni con l’8,9%.

I tempi dei finanziamenti

Rimane sostanzialmente invariata la ripartizione delle durate richieste, con i 60 mesi che si confermano periodo maggiormente domandato (21,1% del campione rilevato) e il periodo 72 mesi che guadagna il 2,5% della domanda, arrivando al 12,2%. Per le concessioni guadagnano le durate dai 60 agli 84 mesi, coprendo in totale quasi la metà dell’intero campione, il 45,8%.

Importi richiesti più elevati dal 2013

Era dal 2013 che non si registravano ammontari così alti: 11.060 euro l’importo medio richiesto dalle famiglie italiane (era 10.959 il primo semestre dell’anno 2017). In leggero calo invece l’importo erogato, 11.383 euro contro gli 11.495 euro della prima parte dell’anno appena concluso.

Il 63,3% delle richieste di prestito è per somme entro i 10.000 euro, segno di cautela negli italiani che ritornano a prendere confidenza con il mercato del credito ma lo fanno in maniera cauta e incontrando la volontà delle banche, che in oltre la metà dei casi (50,7%) hanno elargito prestiti della stessa entità.

Al Nord la maggior parte dei prestiti

Appartiene soprattutto al nord Italia la cultura del prestito per acquistare un bene, far fronte a un impegno sopraggiunto, soddisfare un desiderio: il 43,0% delle richieste sul totale del campione, con il sud Italia che risponde al 35,5% e il Centro con il 21,5%. Lato erogazioni il 41,7% avviene nel del nord Italia, il 36,1% nel Sud e il 22,2% nel Centro.

Ancora bassa la fiducia a chi non ha un impiego fisso

Nonostante la domanda di prestito da parte di chi non ha un lavoro a tempo indeterminato sia il 24,5%, le banche soddisfano la loro richiesta per il 14,6%: ancora l’85,4% dei finanziamenti va a chi è in grado di portare la garanzia di un impiego fisso.

I prestiti online vincono in convenienza

Come si può leggere anche nella news "Acquistare ricorrendo a un prestito: 5 buoni motivi", i prestiti online sono ormai divenuti un’opportunità per risparmiare non solo sui tassi, che nell’ultimo trimestre del 2017 sono arrivati a segnare il nuovo minimo storico con la media del 6,06%, ma anche sulle spese di conduzione della pratica di apertura e mantenimento del finanziamento.

Su PrestitiOnline.it è possibile consultare la sezione dei migliori prestiti del giorno e trovare i Migliori Prestiti Auto, i Migliori Prestiti Ristrutturazione, i Migliori Prestiti Liquidità e le offerte in assoluto più convenienti per ogni tipo di finalità si necessiti di soddisfare.

A cura di: Paola Campanelli

Parole chiave

prestiti finanziamenti tassi prestiti online ristrutturazione

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.