logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI

Prestiti, il segno più del primo semestre

23/08/2017

La stagione dei prestiti vive in questo 2017 un periodo buono, il cui merito è da attribuire anche all’allentamento dei criteri di concessione del credito (soprattutto ai privati) da parte delle banche.

Le variazioni positive si susseguono, con l’ultima relativa ai 30 giorni di giugno – rilevata dall’ABI e riportata nella news "Senza sosta la fortunata stagione dei prestiti" – in cui l’intero settore ha fatto segnare un +1,5% rispetto al mese precedente (che si era già contraddistinto per una crescita del 2,4%). Il segno più è accompagnato da un tasso medio sui finanziamenti che ha raggiunto il suo minimo storico, 2,7%, e dalla contrazione delle sofferenze nette in pancia agli stessi istituti, scese a 76,5 miliardi.  

Per quanto riguarda le caratteristiche dei finanziamenti, un’analisi attendibile arriva dall’Osservatorio di PrestitiOnline.it, il bollettino mensile che riporta tutte le informazioni sulla tipologia di richieste ed erogazioni avvenute in Italia. 

Secondo i dati relativi ai primi sette mesi, si attestano al 34,6% i prestiti concessi per ristrutturare casa, seguiti a distanza da quelli che hanno ad oggetto l’acquisto di un’auto usata, il 20,2%, e dell’arredamento, 14,9%. L’area geografica più interessata dal credito emanato dagli istituti è il nord Italia, con il 41,6% del mese di luglio, seguito dal Sud con il 36,8%.

Differenti le percentuali analizzando la domanda, dove sono ancora i lavori per la casa a occupare il vertice della classifica, ma con un più modesto 23,2%. L’auto di seconda mano è sempre seconda, 19,7%, mentre al terzo posto le preferenze degli italiani portano le richieste di liquidità, con il 17,2% sul totale del campione rilevato. Differente anche la composizione geografica, con le richieste che vedono nel settimo mese dell’anno il dominio ancora più forte del Nord, ora al 44,2% (il dato più alto di sempre). Scende la percentuale al Sud, che con il 34,4% offre il valore più basso dal 2006.

Per quanto riguarda l’importo medio, si stabilizza a luglio sugli 11.550 euro per quello erogato, con il trend in crescita a cavallo dell'anno passato e di quello corrente. Scende invece a 10.912 l'importo richiesto, un dato comunque migliore rispetto alla media di circa 10.600 dello scorso anno. Il 30,2% dei prestiti concessi ha un ammontare dai 5.000 ai 10.000 euro (29,3% per la domanda), mentre nel 29,8% dei casi vengono offerti volumi fino ai 5.000 euro (35,3% per le richieste). Il 15,9% delle volte si verifica che la banca o la finanziaria concede tra i 10.000 ai 15.000 euro, il 16,3% riguarda una cifra compresa tra i 15.000 e i 25.000 euro: gli stessi range dal lato delle richieste dei clienti si attestano rispettivamente al 14,6% e 14%.

Il periodo principale per i finanziamenti erogati è ancora una volta quello dei 60 mesi, facendo segnare un 19,1%. Il periodo dei 5 anni rispecchia anche le esigenze di prestito degli utenti con una percentuale di preferenza ancora più alta, il 20,7%.

Guardando le caratteristiche dei richiedenti si scopre che il 33,9% delle domande e il 38,7% delle erogazioni interessano l'intervallo 36-45 anni; a seguire troviamo la classe 26-35 anni per la domanda, 24,4%, e 46-55 anni per l’offerta, 28,2%. I dipendenti a tempo indeterminato restano ampiamente al comando della graduatoria di soggetti a cui le banche concedono maggiormente un finanziamento, con una cifra che all’inizio del secondo semestre si ferma all’85,2%. Il dato questa volta è inferiore rispetto agli ultimi due semestri, ma abbondantemente superiore rispetto ai dipendenti che si rivolgono agli istituti, che rappresentano il 75,8%.

Per quanto riguarda i tassi, si confermano su bassi livelli quelli online che nel periodo gennaio-marzo di fermano al 6,17%. L’Osservatorio rileva nei primi tre mesi un 10,33% (-0,04% sul quarto trimestre 2016) per l’interesse medio dei crediti personali, vale a dire per le operazioni non direttamente collegate all’acquisto di uno specifico bene o servizio. Per i prestiti finalizzati invece si parla di un 10,05%, il valore più alto degli ultimi 4 anni e in aumento rispetto al periodo ottobre-dicembre 2016 (+0,18%).

Ricordiamo che il prestito più adatto per ogni esigenza si trova su PrestitiOnline.it, il portale con cui è possibile effettuare una simulazione, inserendo pochi e semplici dati, e comparare i migliori preventivi messi a disposizione da oltre 60 intermediari. La richiesta di un cliente di Brindisi per un importo di 15.000 euro da rimborsare in 60 mesi – con finalità di liquidità – vede come soluzione più conveniente quella di Younited Credit, che offre una rata mensile di 282,31 euro e Tan al 4,89% (Taeg 6,19%). Le uniche spese da sostenere sono quelle iniziali, che ammontano a 405 euro, mentre la somma da restituire alla fine dei 5 anni, comprensiva di interessi, sarà di 16.938,79 euro.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Prestiti, il segno più del primo semestre Valutazione: 5/5
(basata su 2 voti)
Segnala via email Stampa
Numero verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI
Importo richiesto
 Euro
Durata del finanziamento
mesi
Finalità del finanziamento
Assicurazione
Anno di nascita
Tipo di impiego
Impiego attuale
Impiegato da
del
Domicilio
PrestitiOnline S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi presso OAM n° M18
Iscrizione R.U.I. sez. E n. E000497146 presso IVASS
P. IVA 06380791001 - Copyright 2000-2017
logo Gruppo MutuiOnline
PrestitiOnline S.p.A. fa capo a Gruppo MutuiOnline S.p.A., società quotata al Segmento STAR della Borsa Italiana
Per ulteriori informazioni, visita www.gruppomol.it
 
Protected by Copyscape DMCA Copyright Detector