logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI

Prestiti, cosa richiedono gli italiani?

11/07/2016

Le incertezze legate alla situazione economica europea e il fenomeno Brexit si ripercuotono anche sui tassi di riferimento applicati al settore dei prestiti. La conferma arriva dall’Osservatorio di Prestitionline.it, l’indagine che analizza periodicamente tutte le caratteristiche relative al mercato dei finanziamenti.

Confrontando i tassi medi di mercato e le migliori offerte online, si nota che le percentuali del 2016 sono le più basse dal 2006 per i prestiti finalizzati, che segnano un valore del 9% (era 9,25% l’ultimo trimestre del 2015) e le più convenienti dal 2009 per quelli personali, che si attestano sui livelli del biennio 2007-2008, facendo rilevare un 10,59% (10,65% gli ultimi tre mesi del 2015). Con le migliori offerte online è invece possibile ottenere tassi più bassi, fino al 6,22%.

L’analisi evidenzia che la finalità di credito più concessa dalle banche è ancora una volta quella per ristrutturare casa con il 35%, seguita dall’auto usata con il 20,6% e dall’arredamento con il 16,4%. Le percentuali delle tre finalità erano molto inferiori nel 2006 quando si attestavano rispettivamente al 25,3%, 9,7% e 12,1%. Le erogazioni riguardano soprattutto la macro area del nord Italia con il 39,4%, seguita dal Centro con il 38,8%.

Il prestito per restaurare l’abitazione si conferma anche tra i più richiesti dai clienti con il 22,5%. Più in basso troviamo i finanziamenti per disporre di maggiore liquidità con il 19,2% sul totale della domanda, quindi i prestiti per acquistare una quattroruote usata con il 19%, risultato aiutato dalla buona performance di tutto il settore dell’automotive. Rispetto a 10 anni fa sono aumentati i consensi relativi ai prestiti per ristrutturare casa (+4,3%) e per acquistare vetture di seconda mano (+8,3%), mentre è più o meno stabile al 19% la domanda delle famiglie per usufruire di più contante. L’area geografica in cui le richieste sono maggiori è nuovamente il Nord con il 42,1%, un valore che è quasi doppio rispetto a quanto rilevato nel sud Italia (21,8%). 

La durata del finanziamento preferita dai risparmiatori è di 60 mesi con il 19,5%, seguita da quella a 84, con il 17,4%, e a 36 mesi, con il 15,6%. Per i prestiti erogati l’Osservatorio rileva che il 19,6% è concesso a 60 mesi, il 15,2% a 36 e 48 mesi.

Scende l’importo medio sia domandato che erogato, per entrambi inferiore a quanto rilevato nel primo semestre 2015 e lontano dai valori registrati nel periodo pre-crisi. Tuttavia le due entità differiscono per l’andamento, visto che l’ammontare richiesto continua nel trend discendente iniziato a gennaio dello scorso anno (arrivando agli attuali 10.696 euro), mentre i finanziamenti effettivamente concessi sono in ripresa rispetto alla seconda parte del 2015, attestandosi adesso sugli 11.635 euro.

Per quanto riguarda il dato sulle caratteristiche dei clienti si nota che il 76,3% delle domande arrivano da lavoratori occupati a tempo indeterminato. La restante parte si suddivide tra i lavoratori autonomi, 13,2%, i liberi professionisti, 2,7%, e altre categorie di professioni. Per quanto riguarda i finanziamenti concessi la percentuale degli occupati a tempo indeterminato tocca la quota record dell’84,4%.

Chi volesse far ricorso al mercato dei prestiti può effettuare una simulazione su PrestitiOnline.it, il portale che permette di comparare le offerte dei vari istituti e scegliere quella più adatta alla propria finalità.

All'11 luglio l’offerta più conveniente per un prestito di 11.000 euro – da restituire in 42 mesi e richiesto da un impiegato 35enne residente a Milano che vuole ristrutturare la propria casa – è quella di Rat@web con Credito Personale che propone una rata mensile di 288,77 euro. Il Tan fisso è del 5,55% e il Taeg del 5,80%, mentre l’unica spesa da sostenere è di 16 euro per l’imposta di bollo che sarà addebitata sulla prima rata. La somma restituita alla fine del periodo concordato sarà 12.148,28 euro.

Condizioni simili, con in più l’imposta di bollo pari a zero, vengono applicate anche alla soluzione Credito Immobiliare di Findomestic. La quota da versare è di 291,27 euro al mese con un Tan del 6,05% e Taeg del 6,22% mentre l’importo finale del debito sarà di 12.233,30 euro.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Prestiti, cosa richiedono gli italiani? Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
Numero verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI
Importo richiesto
 Euro
Durata del finanziamento
mesi
Finalità del finanziamento
Assicurazione
Anno di nascita
Tipo di impiego
Impiego attuale
Impiegato da
del
Domicilio
PrestitiOnline S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi presso OAM n° M18
Iscrizione R.U.I. sez. E n. E000497146 presso IVASS
P. IVA 06380791001 - Copyright 2000-2017
logo Gruppo MutuiOnline
PrestitiOnline S.p.A. fa capo a Gruppo MutuiOnline S.p.A., società quotata al Segmento STAR della Borsa Italiana
Per ulteriori informazioni, visita www.gruppomol.it
 
Protected by Copyscape DMCA Copyright Detector