Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Bonus e detrazioni: gli utilizzi alternativi che aiutano a risparmiare

Pubblicato il 06/05/2016

Abbiamo parlato a lungo di bonus sulle ristrutturazioni edilizie; l’ultima volta, un mese fa, nella news: ristrutturazione casa, bonus anche per il 2016. In sostanza, chi sostiene spese per i lavori di restauro delle abitazioni e delle parti comuni degli edifici residenziali può usufruire delle agevolazioni fiscali sui lavori di ristrutturazione edilizia pari al 50%.

I contribuenti che usufruiscono della detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio hanno diritto a un’ulteriore riduzione d’imposta per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione. Anche questo argomento è stato affrontato di recente da Segugio.it nella news bonus elettrodomestici: come sfruttarlo al meglio quindi, chiunque voglia approfondire, può trovarvi molte informazioni utili. La detrazione è invece pari al 65% delle spese effettuate per interventi di adozione di misure antisismiche su costruzioni adibite ad abitazione principale o ad attività produttive che si trovano in zone sismiche ad alta pericolosità.

A metà dello scorso mese avevamo parlato anche di come detrarre i bonus fiscali nel 730 perché forse non tutti sanno dell'esistenza di una lista di detrazioni possibili che la stessa legge consente, affini alle ristrutturazioni e rientranti in questa categoria. Vediamo quindi le regole più importanti.

I bonus sono cumulabili

Si può usufruire di più incentivi, bonus ristrutturazione e bonus mobili ad esempio. Non è tuttavia necessario che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’abitazione, ma basta che la data di inizio dei lavori di ristrutturazione sia anteriore a quella di acquisto dei mobili o degli elettrodomestici.

Inoltre, chi ha già effettuato dei lavori su un immobile beneficiando di un incentivo e intraprende in un secondo momento nuovi lavori di riqualificazione, può usufruire di un'altra detrazione sempre nel limite complessivo di rimborso di 96.000 euro per unità immobiliare.

Acquisto di mobili all’estero

Si ha diritto alla detrazione fiscale del 50% anche se i mobili sono acquistati in uno stato diverso rispetto a quello italiano, in vacanza oppure in occasione di una trasferta di lavoro, pagando con carta di credito o bonifico bancario. Se il destinatario del bonifico è un non residente e non dispone di un conto in Italia, il pagamento dovrà essere eseguito mediante un ordinario bonifico internazionale (bancario o postale) e dovrà riportare il codice fiscale del beneficiario della detrazione e la causale del versamento.

Bonus giovani coppie

Le giovani coppie costituenti un nucleo familiare composto da coniugi o da conviventi more uxorio che abbiano costituito nucleo da almeno tre anni, in cui almeno uno dei due componenti non abbia superato i trentacinque anni, acquirenti di unità immobiliare da adibire ad abitazione principale, possono beneficiare di una detrazione Irpef del 50% delle spese documentate sostenute per l'acquisto di mobili ad arredo della stessa unità abitativa. La detrazione è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 16.000 euro e non è cumulabile con l'ordinario bonus arredi (comma 75, articolo della legge 208/2015). La legge fornisce un elenco di mobili la cui spesa è detraibile: materassi, lampade e lampadari, mobili nuovi fatti su misura, letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, cucine, mobili per arredare il bagno e per l'esterno. Nessun rimborso è previsto invece per porte e tende, ma anche per complementi di arredo o mobili usati e antichi.

Interventi per migliorare la sicurezza

Nel caso in cui si adottino misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi, è prevista la detrazione del 50% sulle spese sostenute per realizzare interventi sugli immobili, come l’installazione di grate sulle finestre, vetri antisfondamento, casseforti a muro e porte blindate. Non rientra invece nell’agevolazione, ad esempio, il contratto stipulato con un istituto di vigilanza.

Garage, autorimesse e posti auto

Tra le spese detraibili nell’ambito della ristrutturazione edilizia c’è anche la realizzazione di un garage, di un'autorimessa o di un posto auto di pertinenza nel cortile condominiale.

Adeguamento di immobili di valore storico e artistico

Anche la conservazione o valorizzazione degli edifici di valore storico o artistico, così come l’adeguamento alle esigenze di uso contemporaneo, dà diritto alla detrazione del 50%.

In questo caso è anche previsto l’uso di materiali e tecnologie differenti da quelle originali che non siano in contrasto con l’aspetto e il carattere complessivo dell’edificio.

Tecnologia nelle case

Sono interventi di tipo tecnologico sull’abitazione finalizzati alla realizzazione di ogni strumento che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo di tecnologia più avanzata, sia idoneo a favorire la mobilità interna ed esterna all’abitazione per le persone con gravi disabilità fisiche e motorie.

Interventi antisismici

Una detrazione più alta, pari al 65% delle spese sostenute, riguarda l’adozione di misure antisismiche su costruzioni che si trovano in zone ad alta pericolosità, se adibite ad abitazione principale o ad attività produttive. L’ammontare massimo delle spese ammesse in detrazione non può superare l’importo di 96.000 euro.

Consulenza in materia

Infine, le spese sostenute per le consulenze inerenti l’immobile oggetto di ristrutturazione, detraibili sempre al 50%, così come l’acquisto di materiali, le perizie e i sopralluoghi.

Chiunque abbia in mente di richiedere un prestito personale per finalità ristrutturazione, può fare un preventivo su PrestitiOnline.it, il primo "broker" in Italia del settore e da anni punto di riferimento del mercato online.

A cura di: Paola Campanelli

Parole chiave

bonus fiscali detrazioni ristrutturazioni mobili ed elettrodomestici

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.