logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI

Ristrutturazione casa, bonus anche per il 2016

7/04/2016

bonus ristrutturazione

Anche per quest’anno la Legge di Stabilità ha approvato la proroga al 31 dicembre delle agevolazioni fiscali sui lavori di ristrutturazione edilizia. La materia è disciplinata dall’articolo 16-bis del DPR 917/86 (Testo unico delle imposte sui redditi) ed è stata resa permanente dal 1° gennaio 2012 con il decreto legge n. 201/2011.

Il beneficio consiste in una detrazione Irpef del 50% da ripartire in 10 anni, da applicare sui lavori di restauro delle abitazioni e delle parti comuni degli edifici residenziali situati nel territorio dello Stato e con un limite massimo di spesa di 96 mila euro. Dal 1° gennaio 2017 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite dei 48 mila euro per ogni unità immobiliare.

Il rimborso può essere richiesto da tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche, residenti o meno sul territorio nazionale. Rientrano tra i beneficiari i proprietari o nudi proprietari, i titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie), i locatari, i soci di cooperative divise e indivise, gli imprenditori individuali e i soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e imprese familiari).

I lavori per cui spetta la detrazione riguardano:

- gli interventi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati su tutte le parti comuni degli edifici residenziali;

- gli interventi di manutenzione straordinaria (muratura, sostituzione della caldaia) per i lavori di ristrutturazione edilizia effettuati sia sulle unità immobiliari che su quelle rurali, nonché per le loro pertinenze;

- le opere necessarie alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi di calamità naturali, a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza.

Rientrano nel bonus anche i lavori che hanno il fine di eliminare le barriere architettoniche oppure diretti a realizzare strumenti per favorire la mobilità interna ed esterna all’abitazione delle persone portatrici di handicap gravi.

L’agevolazione può essere richiesta per le spese sostenute durante i 12 mesi e va suddivisa fra tutti i soggetti che hanno sostenuto la spesa. Se gli interventi realizzati in ciascun anno consistono nella prosecuzione di lavori iniziati in periodi precedenti, allora il limite massimo delle spese detraibili sarà determinato tenendo conto dei costi sostenuti durante gli stessi anni.

La quota da sottrarre per il contribuente deve rientrare nei limiti dell’imposta dovuta per l’anno in questione. Se, ad esempio, la parte detraibile per lavori è di 1.200 euro e l’Irpef ammonta a 1.000 euro, i 200 euro eccedenti non potranno essere recuperati: dunque la cifra in eccesso non potrà essere richiesta a rimborso o conteggiata in diminuzione dell’imposta dovuta per l’anno successivo.

I cittadini che effettuano una ristrutturazione possono servirsi anche del bonus per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici, argomento già trattato lo scorso anno da PrestitiOnline. L’agevolazione – anche questa nella misura del 50% e da ripartire in 10 rate annuali – rispetta il limite massimo di spesa di 10 mila euro per unità immobiliare, indipendentemente dall’importo delle spese per i lavori di ristrutturazione.

È da ricondursi invece all’acquisto dell’abitazione principale il bonus arredi, di cui possono usufruire solo le coppie fino ai 35 anni di età che costituiscono nucleo familiare da almeno 3 anni. Tra i mobili nuovi ammessi al beneficio rientrano letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione: la cifra sul quale calcolare la detrazione del 50% ha un limite massimo di 16 mila euro. Sono esclusi invece i grandi elettrodomestici, le porte, la pavimentazione, le tende e i tendaggi.

Per chi avesse intenzione di informarsi in materia di prestiti finalizzati all’acquisto di arredamento, su PrestitiOnline è possibile trovare le migliori offerte del giorno proposte dai principali istituti del mercato.

Per chi avesse voglia di personalizzare la ricerca, magari scegliendo come finalità la ristutturazione casa, su PrestitiOnline è possibile comparare le migliori offerte degli istituti di credito grazie al comodo strumento messo a disposizione dei consumatori per aiutarli nella richiesta di finanziamento.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Ristrutturazione casa, bonus anche per il 2016 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
Numero verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI
Importo richiesto
 Euro
Durata del finanziamento
mesi
Finalità del finanziamento
Assicurazione
Anno di nascita
Tipo di impiego
Impiego attuale
Impiegato da
del
Domicilio
PrestitiOnline S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi presso OAM n° M18
Iscrizione R.U.I. sez. E n. E000497146 presso IVASS
P. IVA 06380791001 - Copyright 2000-2017
logo Gruppo MutuiOnline
PrestitiOnline S.p.A. fa capo a Gruppo MutuiOnline S.p.A., società quotata al Segmento STAR della Borsa Italiana
Per ulteriori informazioni, visita www.gruppomol.it
 
Protected by Copyscape DMCA Copyright Detector