Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Prestiti: sempre più su!

Pubblicato il 13/11/2015

Il 2015 è un anno d’oro per il credito al consumo. Il brillante trend che ha caratterizzato gli ultimi mesi si riconferma anche a settembre, con il miglior risultato assoluto in termini di erogazione prestiti personali dell’ultimo triennio. Lo conferma l’Abi, Associazione Bancaria Italiana, nel consueto report mensile. 

I dati si rivelano molto positivi sia per le aziende che per le famiglie.

Per quanto riguarda le imprese, l’incremento registrato rispetto all’anno precedente è pari al 15,9%, mentre il dato cumulato dei finanziamenti a famiglie ed aziende si attesta al -0,2%. Una percentuale leggermente negativa, ma significativamente migliore degli andamenti degli ultimi anni. Basti pensare che, solo per fare un esempio, i dati di chiusura 2013 avevano fatto registrare un preoccupante -4,5%.

In questo contesto assumono un rilievo particolare anche i prestiti all’economia, che abbracciano il complesso delle erogazioni alla Pubblica Amministrazione. Nell’arco temporale compreso tra il 2007 ed il 2015, questa tipologia di finanziamenti è passata da 1.673 a 1.825 miliardi di euro. Significativo anche il trend di prestiti a famiglie e imprese, partiti da 1.279 nel 2007 per arrivare agli odierni 1.414 miliardi di euro.

I risultati sono stati commentati dal Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, nel corso della 91° Giornata Mondiale del Risparmio promossa a Roma dall'Acri, Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio.

I fattori che maggiormente incidono sulla dinamica del credito, secondo Visco, sono la ripresa economica, ma soprattutto l’aumento di liquidità conseguente alle politiche monetarie degli ultimi mesi.

Sono stati gli interventi della Bce a determinare evidenti miglioramenti nella determinazione del costo del credito, riducendo peraltro il divario, precedentemente più netto, tra i tassi medi applicati nel nostro Paese e quelli degli altri Stati europei.

A giocare la parte del leone, favorendo questa propensione generalizzata al credito al consumo, i tassi particolarmente vantaggiosi.

A settembre 2015 il tasso medio totale ha raggiunto il minimo storico del 3,34% (6,18% nel 2007).
In discesa anche il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese, che è passato dal 5,48% del 2007 al 2,05% di settembre 2015.

Questi positivi andamenti sono facilmente rilevabili anche attraverso la comparazione delle offerte disponibili su web. Facendo una simulazione sul sito PrestitiOnline.it al 3 novembre, per un finanziamento di 10.000 euro con finalità ristrutturazione casa, da rimborsare in due anni, un impiegato trentacinquenne residente a Milano spenderebbe 441,63 euro con Rat@web (Taeg  5,68%) o in alternativa Santander (Taeg 6.03%), 442,98 euro con Findomestic (Taeg 6,92%) e 445,46 euro con Fiditalia (Taeg 6,92%).

A fronte di segnali di ripresa così evidenti, va però posta l’attenzione su un altro aspetto che riguarda il settore del credito al consumo: ci riferiamo alle sofferenze lorde che gli istituti di credito non stanno smaltendo, con un conseguente aumento di rischiosità dei prestiti erogati.

Ad agosto 2015 sono stati registrati quasi 198,5 miliardi di euro di sofferenze lorde, mentre le sofferenze nette sono passate da 84,8 miliardi di luglio a 85,9 miliardi di agosto.

Sicuramente porterà una ventata di ossigeno il negoziato tra il Governo e la Commissione Ue per il veicolo bad bank, trattativa aperta ormai da un anno. Al momento i tecnici che stanno esaminando il "caso Italia", non hanno posto veti o individuato criticità, confermando l’infondatezza dello stop a livello di antitrust europeo.

A cura di: Alessia De Falco

Parole chiave

abi acri bad bank prestitionline.it prestiti personali

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.