logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI

Prestiti, ok le erogazioni a famiglie e imprese

9/11/2015

prestiti

Il mercato del credito riprende quota. A stabilirlo è l’ultimo bollettino ABI diffuso a ottobre che registra il miglioramento dell’andamento dei prestiti a privati e aziende.

A settembre 2015 il totale dei finanziamenti rimane tendenzialmente stabile rispetto allo stesso mese dello scorso anno (-0,2%), ma il dato è nettamente migliore rispetto al -4,5% registrato a novembre 2013, quando raggiunsero il picco negativo.   

A rafforzare l'analisi dell’ABI arriva anche il rapporto della Banca Centrale Europea, stabilendo che le condizioni dei prestiti in Italia sono le migliori fra i principali Paesi della zona euro. Secondo l’Istituto, gli intermediari che hanno allentato le condizioni per erogare rispetto a quelli che hanno dato una stretta sono stati il 38% in più nei confronti delle imprese e il 25% in più nei confronti delle famiglie.

Migliora anche la domanda di prestiti, con un +38% in entrambi i comparti. In particolare per le imprese, il CRIF (Centrale Rischi Finanziari) ha rilevato che nel terzo trimestre del 2015 è aumentato del 6,8% il numero di richieste di credito presentate agli operatori bancari rispetto allo stesso periodo del 2014. L’incremento testimonia lo stabilizzarsi del trend positivo iniziato nel trimestre precedente, un’inversione rispetto alla frenata registrata nel periodo gennaio-marzo 2015.

Il dato della domanda è ampiamente supportato da quello delle effettive erogazioni. La stessa ABI sottolinea che i finanziamenti alle imprese hanno segnato nei primi otto mesi del 2015 un rialzo di circa il +15,9% sul corrispondente gennaio-agosto 2014.

Bene a settembre anche la variazione annua del totale prestiti all’economia, salita dello 0,3%: da dicembre 2007 il credito concesso è passato da 1.673 a 1.825 miliardi di euro, mentre quello riguardante solo famiglie e imprese è cresciuto da 1.279 a 1.414 miliardi di euro.

Grazie alla manovra del Quantitative easing della BCE, i tassi sui prestiti a settembre si sono ulteriormente abbassati. L’interesse medio sul totale dei prestiti è risultato pari al 3,34%, facendo segnare il suo minimo storico: ad agosto si era attestato al 3,37%, comunque molto lontano dal 6,18% della fine del 2007.

I nuovi prestiti per l’acquisto delle abitazioni hanno un tasso di interesse medio che si colloca al 2,66% contro il 2,81% del mese precedente, distante dal 5,72% rilevato alla fine del 2007. Nei finanziamenti concessi alle imprese sale al 2,05%, un 0,1% in più rispetto al mese precedente e 3,43% in più rispetto a dicembre 2007.

L’ultimo dato riguarda le sofferenze bancarie. I numeri si riferiscono agli ultimi rilevamenti di agosto, che stabiliscono le sofferenze lorde vicine ai 200 miliardi di euro: rapportandole con il totale degli impieghi, i finanziamenti concessi, raggiungono una percentuale del 10,4%. In attesa di capire come si evolverà il tema delle bad bank italiane – da utilizzare per smaltire una grande quantità di titoli tossici –, le sofferenze nette salgono da 84,8 miliardi di euro rilevati a luglio a 85,9 miliardi di euro del mese successivo.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Prestiti, ok le erogazioni a famiglie e imprese Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
Numero verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI
Importo richiesto
 Euro
Durata del finanziamento
mesi
Finalità del finanziamento
Assicurazione
Anno di nascita
Tipo di impiego
Impiego attuale
Impiegato da
del
Domicilio
PrestitiOnline S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi presso OAM n° M18
Iscrizione R.U.I. sez. E n. E000497146 presso IVASS
P. IVA 06380791001 - Copyright 2000-2017
logo Gruppo MutuiOnline
PrestitiOnline S.p.A. fa capo a Gruppo MutuiOnline S.p.A., società quotata al Segmento STAR della Borsa Italiana
Per ulteriori informazioni, visita www.gruppomol.it
 
Protected by Copyscape DMCA Copyright Detector