logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI

La situazione prestiti vista dall’ABI

4/06/2015

prestiti

È il rapporto mensile dell’ABI a fotografare la situazione prestiti della nostra economia nel mese di aprile.

La manovra del Quantitative easing della Bce con la sua iniezione di liquidità ha contribuito ad abbassare i tassi di interesse praticati, dando ossigeno a un settore in grande sofferenza, così quello rilevato in questo mese è il migliore risultato dal 2012: 1.825,8 miliardi di euro di prestiti erogati, 1.407 miliardi solo a famiglie e imprese. Alla fine del 2007, l’anno subito precedente alla crisi, i miliardi erano rispettivamente 1.673 e 1.279.

Segnali positivi dunque, come li definisce all’interno del rapporto la stessa Associazione che svolge l’indagine su un campione rappresentativo di 78 banche, circa l’80% del mercato italiano, soprattutto se si confrontano i dati con quelli dello stesso periodo dello scorso anno: +8,1% per i finanziamenti alle imprese sul trimestre gennaio-marzo del 2014, +8,6% per il credito al consumo, +50,4% di mutui erogati.

Tuttavia, per quanto i dati risultino positivi se confrontati a quelli degli anni più recenti, il loro valore assoluto continua a far registrare valori negativi: solo ad aprile il totale dei finanziamenti a famiglie e imprese è stato di -0,8% nei confronti dello stesso mese del 2014, migliore del -1% del mese precedente e soprattutto del -4,5% di novembre 2013, anno in cui si erano raggiunti livelli minimi, nel pieno della crisi finanziaria ed economica.

Come si legge nel rapporto dell’ABI, a seguito del perdurare della crisi e dei suoi effetti, è cresciuta anche la rischiosità dei prestiti nel nostro Paese, tanto che le sofferenze lorde sono risultate a marzo quasi 190 miliardi dai 187,3 miliardi di febbraio. Inoltre, il rapporto sofferenze lorde su impieghi è del 9,8% a marzo 2015 (8,6% un anno prima; 2,8% a fine 2007), valore che raggiunge il 16,6% per i piccoli operatori economici (14,6% a marzo 2014, 7,1% a fine 2007), il 16,7% per le imprese (14% un anno prima, 3,6% a fine 2007) e il 7,1% per le famiglie consumatrici (6,4% a marzo 2014, 2,9% a fine 2007).

Crescono anche le sofferenze nette, anche se di poco, passando a marzo da 79,3 miliardi di febbraio a 80,9 miliardi di marzo.

Livelli record inoltre per i tassi di interesse, ancora sotto l’effetto della manovra finanziaria e della riduzione degli spread. Ad aprile si è registrato il minimo storico con il tasso medio sul totale dei prestiti al 3,54%: era -3,56 nel mese di marzo, ma fa specie constatare che fosse del 6,18% a fine 2007.

Stesso trend per i mutui, che hanno registrato un tasso di interesse medio pari al 2,64% (era 2,69% a marzo e 5,72% a fine 2007.

Invertire un trend di valori negativi che ha connotato il mercato negli anni di punta della crisi non è dunque semplice, ma piccoli segnali fanno ben sperare che la ripresa è auspicabile e forse neanche troppo lontana.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
La situazione prestiti vista dall’ABI Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
Numero verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI
Importo richiesto
 Euro
Durata del finanziamento
mesi
Finalità del finanziamento
Assicurazione
Anno di nascita
Tipo di impiego
Impiego attuale
Impiegato da
del
Domicilio
PrestitiOnline S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi presso OAM n° M18
Iscrizione R.U.I. sez. E n. E000497146 presso IVASS
P. IVA 06380791001 - Copyright 2000-2017
logo Gruppo MutuiOnline
PrestitiOnline S.p.A. fa capo a Gruppo MutuiOnline S.p.A., società quotata al Segmento STAR della Borsa Italiana
Per ulteriori informazioni, visita www.gruppomol.it
 
Protected by Copyscape DMCA Copyright Detector