logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI

Prestiti Inpdap: regole 2015

19/05/2015

inpdap

I prestiti Inpdap (Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica) sono una modalità agevolata di accesso al credito, riservata ai dipendenti statali.

Si tratta di una forma di finanziamento che prevede tassi vantaggiosi e che spesso viene erogata in collaborazione con istituti di credito convenzionati con l’ente.

Occorre premettere che oggi è più corretto parlare di prestiti "ex Inpdap", dal momento che dal 2011 l’ente è stato integrato dall’Inps.

I prestiti erogati possono essere sia di breve che di medio lungo periodo. I primi hanno solitamente durata non superiore ai quattro anni, mentre i secondi variano dai cinque ai dieci anni. A seconda della tipologia di finanziamento, vengono applicati tassi diversi.

Nel caso di piccoli prestiti, volti a coprire spese impreviste ed urgenti, il tasso di interesse è del 4,5%, con un’aliquota per le spese di amministrazione che ammonta allo 0,5%. Per avere accesso a questo tipo di finanziamenti, occorre essere iscritti alla Gestione Dipendenti pubblici. 

In questo caso, non viene richiesta la documentazione di spesa: viene solitamente erogata una somma proporzionale alla durata del finanziamento, vincolata al tetto di un importo medio annuale di stipendio o pensione. In pratica, attraverso questa tipologia di prestiti, è possibile finanziare al massimo il valore di quattro mensilità. Il piano di ammortamento prevede un rimborso attraverso rate mensili (12, 24, 36 o 48) addebitate direttamente sul conto corrente.

I prestiti pluriennali diretti richiedono invece la presentazione delle spese, che possono essere di diversa natura: acquisto dell’abitazione, matrimonio o anche finanziamento auto. E’ una tipologia di finanziamento che può essere richiesta sia da pensionati che da lavoratori in attività. In questo secondo caso, è necessario un contratto a tempo indeterminato, almeno quattro anni di anzianità di servizio e quattro anni di contributi versati alla Gestione Unitaria. E’ possibile farne richiesta anche in caso di contratto di lavoro a tempo determinato di durata triennale, per prestiti da estinguere nell’arco di durata del contratto.

In questo caso è necessario cedere il Tfr a garanzia del rimborso. Inoltre, occorre documentare le spese alla base della richiesta di prestito. Va sottolineato che, a partire dal 2011, è possibile utilizzare questi finanziamenti anche per sostenere l’acquisto di un immobile da parte di un figlio maggiorenne. Sui prestiti pluriennali è previsto un tasso del 3,5%, con un’aliquota per le spese amministrative sempre dello 0,5%. .

Esistono infine i cosiddetti prestiti pluriennali garantiti. Questi finanziamenti hanno durata variabile da 5 a 10 anni. Sono disponibili per dipendenti in attività dopo 4 anni di contributi e, a differenza dei precedenti, non necessitano di documentazione di spesa. E’ richiesta invece una certificazione medica di sana costituzione. Questa tipologia di prodotto viene erogata da istituti di credito e finanziarie convenzionate, solitamente con cessione del quinto. E’ prevista l’applicazione di un tasso di interesse variabile, a tutela del creditore contro il rischio di decesso, perdita dell’impiego e riduzione dello stipendio.

Per quanto concerne la richiesta del finanziamento e la successiva erogazione, la domanda deve essere presentata all’Inps corredata della documentazione necessaria: deve essere inviata in modalità telematica se il richiedente è pensionato; diversamente, se si tratta di lavoratori, occorre far riferimento all’amministrazione di appartenenza.

A cura di Alessia De Falco
Come valuti questa notizia?
Prestiti Inpdap: regole 2015 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
PRESTITI PERSONALI
PrestitiOnline S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi presso OAM n. M18
Iscrizione RUI sez. E n. E000497146 presso IVASS
P. IVA 06380791001 - Copyright 2000-2018
logo Gruppo MutuiOnline
PrestitiOnline S.p.A. fa capo a Gruppo MutuiOnline S.p.A., società quotata al Segmento STAR della Borsa Italiana
Per ulteriori informazioni, visita www.gruppomol.it
 
Protected by Copyscape DMCA Copyright Detector