logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI

Bonus su mobili ed elettrodomestici: cosa c’è da sapere

24/03/2015

detrazioni fiscali casa

Gli italiani sono tornati a comprare e, soprattutto, a richiedere prestiti. Secondo l'Osservatorio di PrestitiOnline.it i segnali più importanti arrivano proprio dalla rete, dove da ottobre scorso si è rilevato un continuo aumento della domanda.

A trainare il settore, nello scorso anno ci sono stati principalmente i prestiti finalizzati, vale a dire sottoscritti per l’acquisto di un bene, generalmente all’interno del punto vendita: soprattutto, sembrano dire le statistiche, di auto, vacanze ed elettrodomestici.

Chi sottoscrive un prestito ha per lo più una situazione lavorativa stabile e un impiego a tempo indeterminato: l’81% dei richiedenti, nel 64% dei casi, è di età compresa fra i 36 e i 55 anni. Ci si indebita più al nord: il 44% risiede qui. Sud e Isole registrano un 37% e il Centro si ferma al 22%.

La casa, dunque, tra le prime finalità dei prestiti personali. Merito degli sgravi fiscali, che consentono detrazioni del 50% sulle ristrutturazioni edilizie: manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali. In più, l’acquisto di arredi ed elettrodomestici all’interno della stessa casa è oggetto della stessa agevolazione.

Chi acquista un mobile o un grande elettrodomestico di classe non inferiore alla A+ entro il 31 dicembre di quest’anno, può indicare le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi. La detrazione massima è di 10.000 euro, ripartita nel caso di più aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo.

Ma quale tipo di mobile o elettrodomestico consente di accedere alla detrazione?

Letti, armadi, divani, poltrone, librerie, materassi, illuminazione: sono esclusi parquet, porte, tendaggi e altri complementi di arredo.

Per quanto riguarda gli elettrodomestici, si intende solo quelli “grandi”: ad esempio, frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, forni, condizionatori.

Per ottenere la detrazione è necessario pagare con bonifici bancari o postali, sui quali andranno indicati la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione, la partita Iva o il codice fiscale del soggetto che riceve il pagamento. La banca o le Poste applicheranno poi una ritenuta dell’8%, obbligatoria e prevista dal Dl 78/2010.

È consentito anche pagare con carta di credito o bancomat: in questo caso la data di pagamento sarà riferita al giorno di utilizzo della carta stessa e non a quella di addebito della spesa sul conto corrente. Lo scontrino fiscale contenente tutte le informazioni necessarie a documentare l’avvenuto acquisto ha lo stesso valore della fattura. Nel caso poi in cui lo scontrino rilasciato dopo il pagamento con carta di credito non riporti il codice fiscale dell’acquirente, la detrazione sui mobili o sugli elettrodomestici acquistati è comunque ammessa se nello scontrino stesso siano indicati natura e quantità del bene acquistato e ci sia corrispondenza tra i dati di pagamento dell’acquisto e quelli del contribuente titolare della carta.

Ma è possibile usufruire dell’agevolazione fiscale sull’acquisto dei beni indicati se si è realizzato un intervento di riqualificazione energetica dell’immobile, detraibile per il 65%? La risposta è no, perché le due detrazioni non sono cumulabili. Quindi, se si procede con l’installazione di pannelli solari o di un impianto di climatizzazione invernale, non sarà possibile acquistare un elettrodomestico e usufruire della detrazione del 50%. La stessa cosa vale anche se si acquista un box o una qualunque pertinenza oggetto di detrazione fiscale, in questo caso, del 50%.

E se l’acquisto avviene all’estero? Se si è in vacanza o se si compra online da siti esteri, varranno le stesse regole dell’Italia, basta richiedere tutta la documentazione necessaria da presentare in dichiarazione: fattura di acquisto, ricevuta del bonifico o di avvenuto pagamento nel caso si usi una carta di credito e documentazione di addebito della spesa sul conto corrente.

Infine, quanto costa in media un finanziamento per acquistare un mobile o un elettrodomestico? Se si richiede ad esempio la somma di 5000 euro per un prestito per arredamento, il TAN applicato è del 5,65%, il TAEG del 6,00% che per un piano di rimborso di cinque anni, significano una rata mensile di 95,85 euro. L'importo totale da rimborsare sarà di €5775,14 Richiedendo la stessa cifra per l'acquisto di un elettrodomestico, avremo un TAN di 7,10% e un TAEG di 7,60%, con una rata mensile di €99,24. In questo caso l'importo totale da rimborsare sarà di € 5986,52 (dati PrestitiOnline, simulazione effettuata il 23-03-2015).

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Bonus su mobili ed elettrodomestici: cosa c’è da sapere Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
Numero verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI
Importo richiesto
 Euro
Durata del finanziamento
mesi
Finalità del finanziamento
Assicurazione
Anno di nascita
Tipo di impiego
Impiego attuale
Impiegato da
del
Domicilio
PrestitiOnline S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi presso OAM n° M18
Iscrizione R.U.I. sez. E n. E000497146 presso IVASS
P. IVA 06380791001 - Copyright 2000-2017
logo Gruppo MutuiOnline
PrestitiOnline S.p.A. fa capo a Gruppo MutuiOnline S.p.A., società quotata al Segmento STAR della Borsa Italiana
Per ulteriori informazioni, visita www.gruppomol.it
 
Protected by Copyscape DMCA Copyright Detector