Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Prestiti alle famiglie: +10% in febbraio

Pubblicato il 12/03/2015

Buone anche in febbraio le dinamiche legate ai finanziamenti. In particolare, secondo di dati Eurisc, Sistema di Informazioni Creditizie di Crif, nel mese appena concluso si registra il miglior trend dal 2011 ad oggi: +10,1% nelle richieste prestiti da parte delle famiglie italiane.

Un segnale importante, che evidenzia una rinnovata fiducia verso il credito al consumo e un atteggiamento meno prudenziale nelle scelte di investimento. Si consolida dunque un fenomeno innescatosi lo scorso autunno e, anche se i volumi globali non sono certamente equiparabili a quelli del periodo pre-crisi, sicuramente rappresentano un input incoraggiante.

Interessante segnalare che l’incremento più alto si è verificato nei prestiti personali (+11,1% rispetto al 2014) anche se l’andamento dei prestiti finalizzati, specialmente nel comparto auto e moto, è comunque buono (+9,3%).

Secondo Crif, l’importo medio richiesto ammonta a circa 7.879 euro, un dato che conferma l’aumento già verificatosi a gennaio, in netta controtendenza rispetto alle costanti contrazioni del periodo precedente. La distribuzione degli importi medi è differente per i prestiti finalizzati (5.231 euro, ossia +5,1) e i prestiti personali che, con una somma di 10.782, registrano un calo del -8,1%.
Anche di fronte ad un innegabile cambio di prospettiva, la cautela si manifesta nelle cifre investite, che sono mediamente più contenute che in passato.

A ricorrere ad un prestito, in prevalenza persone appartenenti alle classi di età comprese tra i 35 e i 44 anni (24,7% del totale) e tra i 45 e i 54 anni (25,7% del totale). Tra le spese più frequentemente oggetto di finanziamento troviamo la rateizzazione dell’acquisto di auto e moto, ma anche arredamento, elettronica, elettrodomestici, viaggi e spese mediche.

Bene anche i prestiti per ristrutturazione, come già nel mese scorso aveva evidenziato l’Osservatorio PrestitiOnline.it segnalando che questa tipologia di finanziamento rappresentava il 35% del totale, seguita dall’acquisto di un'auto usata (25%) e da spese per l'arredamento (13,3%). Per approfondimenti sull'argomento vedere la news dedicata su PrestitiOnline.it.

In parallelo all’aumentata richiesta di prestiti, va ricordata tuttavia la situazione delle sofferenze bancarie, con i suoi impatti sulla rischiosità dei finanziamenti concessi: secondo l’ Abi a dicembre 2014, le sofferenze lorde hanno raggiunto i 184 miliardi, con un rapporto sugli impieghi del + 9,6% rispetto all'anno precedente. Un dato che è aumentato del 16,1% per i piccoli operatori economici, il 16,2% per le imprese e il 6,9% per le famiglie consumatrici. Leggermente in miglioramento le sofferenze nette, che si attestano a 84,5 miliardi a dicembre contro gli 84,8 miliardi di novembre.

La questione del deterioramento dei crediti resta dunque un punto cruciale per l’andamento dei prestiti anche se, con la manovra del Quantitative Easing avviata dalla Bce in questi giorni, la reddittività degli istituti di credito dovrebbe ristabilirsi. Se l’operazione della Banca Centrale si concluderà con successo, gli impatti maggiori si avranno infatti proprio nell’ambito del credito, sia a medio che lungo termine.

Proprio in virtù della maggior liquidità a disposizione, le banche dovrebbero essere stimolate a erogare più facilmente finanziamenti, con un conseguente calo del costo degli stessi, a causa della riduzione dei tassi.

Una speranza che andrebbe a contrastare quanto invece rilevato a chiusura 2014 dall’Abi. Se da un lato si registra, già dall’ottobre scorso, un incremento delle richieste di finanziamento, dall’altro tuttavia i dati sui flussi di restituzione delle somme finanziate fanno riflettere: dal 2011 gli italiani che hanno regolarmente restituito le rate sono in numero maggiore rispetto a quelli che, a fronte di una richiesta ad una banca, hanno effettivamente ricevuto il prestito.

A cura di: Alessia De Falco

Parole chiave

barometro crif febbraio 2015 prestiti personali prestiti finalizzati abi

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.