logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI

Prestiti T.A.E.G. e T.A.N: conoscerli e valutarli

22/10/2014

Prestiti T.A.E.G. e T.A.N: conoscerli e valutarli

Le motivazioni per cui un soggetto si mette alla ricerca di un finanziamento possono essere le più svariate, dalla compravendita di un immobile alla sua ristrutturazione, dall'acquisto di un elettrodomestico a quello di un automobile. Un aspetto comune di tutte le tipologie di concessione del credito per finalità personali, è quello di essere accompagnate da due sigle, T.A.E.G. e T.A.N., che identificano sostanzialmente il costo per il richiedente del finanziamento stesso.

Le due sigle, molto semplicisticamente, individuano il tasso debitore di un prestito, ma presentano tra loro differenze sostanziali che vanno ben conosciute, al fine di comprendere alla perfezione quali siano gli oneri collegati all'ottenimento del denaro.

L'acronimo T.A.N. identifica il Tasso Nominale Annuo, ovverosia il tasso di finanziamento puro che viene applicato alla somma concessa. Per i prestiti di durata superiore ai dodici mesi, è bene tenere presente che il tasso subirà un incremento a causa della capitalizzazione pluriennale.

Quanto appena detto vale sia per il T.A.N. che per il T.A.E.G, il cui significato è Tasso Effettivo Annuo Globale, ed è a questo dato che il richiedente deve fare riferimento, per avere ben chiaro quale sia il complesso degli oneri gravanti sul prestito. Tale indicatore è stato introdotto nell'ordinamento italiano nel 2003, ed ha subito negli anni diversi mutamenti anche per effetto delle normativa europea, al fine di rendere sempre più trasparente l'offerta del credito alla clientela.

Il T.A.E.G. ricomprende al suo interno il tasso nominale annuo, al quale vengono aggiunti i costi di istruttoria per l'apertura della pratica e per l'acquisizione documentale, le spese relative alla gestione amministrativa, i bolli statali e le commissioni di incasso rata. L'insieme di questi oneri, ricalcolati in percentuale e rapportati su base annua, indica il costo effettivo dell'operazione di finanziamento, ed è il dato da prendere come parametro in sede di confronto delle varie opportunità di prestito che il mercato offre al soggetto.

Rimangono esclusi dal T.A.E.G. le spese relative alle assicurazioni non obbligatorie e le tasse, come le imposte di registro da sostenere in caso di mutuo.

A cura della Redazione
Come valuti questa notizia?
Prestiti T.A.E.G. e T.A.N: conoscerli e valutarli Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Domanda di prestiti: secondo Crif a settembre la più alta dell’anno pubblicato il 13 ottobre 2018
I prestiti più convenienti di settembre 2018 pubblicato il 6 settembre 2018
Sempre più conveniente acquistare l’auto con un prestito pubblicato il 21 settembre 2018
Prestiti: è un agosto da record pubblicato il 24 settembre 2018
I prestiti più convenienti di ottobre 2018 pubblicato il 9 ottobre 2018
PRESTITI PERSONALI
PrestitiOnline S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi presso OAM n. M18
Iscrizione RUI sez. E n. E000497146 presso IVASS
P. IVA 06380791001 - Copyright 2000-2018
logo Gruppo MutuiOnline
PrestitiOnline S.p.A. fa capo a Gruppo MutuiOnline S.p.A., società quotata al Segmento STAR della Borsa Italiana
Per ulteriori informazioni, visita www.gruppomol.it
 
Protected by Copyscape DMCA Copyright Detector