Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
FondiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 97 97 90 Chiama gratis 800 97 97 90

Risparmio energetico: confermato l'ecobonus

Pubblicato il 10/10/2014

Aggiornato il 13/10/2014

Finalmente, dopo tanti botta e risposta, arriva la conferma. Le detrazioni del 65% ci saranno anche il prossimo anno. Il governo sta infatti valutando un “pacchetto casa” volto a dare una risposta al rallentamento del mercato delle compravendite immobiliari.

Partiamo dalle novità: secondo quanto affermato dal Ministro delle Infrastrutture anche nel 2015 sarà possibile beneficiare dello sgravio Irpef del 65% per i lavori di risparmio energetico. Un’attenzione particolare è rivolta agli interventi di prevenzione sismica, per i quali è prevista una detrazione oscillante fra il 50 ed il 60% della spesa.

Dovrebbe essere riconfermato anche il 50% per le ristrutturazioni semplici anche se, da quello che sembra ad oggi, le linee guida del Decreto sono orientate verso una politica selettiva rivolta soprattutto verso interventi di risparmio energetico.

La vera novità è la norma sugli affitti ispirata alla legge Scellier, che, introdotta in Francia nel 2009, ha riscosso notevole successo. Si tratta in pratica di una deduzione fiscale del 20% delle spese di acquisto o di costruzione, distribuita in un arco temporale di otto anni, dedicata alle persone fisiche che decidono di comprare o ristrutturare casa migliorandone le prestazioni energetiche, con l’obiettivo di affittare a canone concordato.  

La norma vuole utilizzare lo strumento fiscale per dare un impulso al mercato della compravendita, in particolare a quello delle locazioni a canone concordato che ad oggi possono usufruire anche della tassazione in forma di cedolare secca al 10% per il quadriennio 2014-2017. 

Con questo incentivo si andrebbe ad alleggerire il problema dell'invenduto in carico ai costruttori, sempre che risponda ai requisiti energetici previsti (classe A o B).

In linea di massima, tutte buone notizie per gli aspiranti acquirenti o per chi già possiede un abitazione.

Ma se per ristrutturare si volesse ricorrere a un finanziamento, cosa offre il mercato in questo momento? Da una semplice simulazione sul sito PrestitiOnline al 10 ottobre, un intervento per ristrutturazione da 20.000 euro per una durata di 84 mesi richiesto da un impiegato di 40 anni residente in provincia di Roma, troviamo le soluzioni di Rataweb (289,78 euro al mese, TAN 5,75% TAEG 5,95%) e Findomestic (290,26 euro al mese, TAN 5,80% TAEG 5,96%) che si piazzano tra le prime.

Per scoprire tutte le offerte prestiti, cliccate su PrestitiOnline e, con pochi click, otterrete un preventivo gratuito ed aggiornato.

A cura di: Alessia De Falco

Parole chiave

legge di stabilità 2015 risparmio energetico prestiti ristrutturazione incentivo affitto

Nella sezione News di PrestitiOnline.it riportiamo le novità del mercato dei finanziamenti e dei settori ad esso collegati con articoli scritti da professionisti esperti di prestiti e credito al consumo che collaborano con importanti testate nazionali e scrivono su blog specializzati. Puoi contattare la Redazione all'indirizzo: redazione@gruppomol.it.
PrestitiOnline.it è un marchio di PrestitiOnline S.p.A., società che fa parte di Gruppo MutuiOnline S.p.A., quotato al segmento STAR di Borsa Italiana. PrestitiOnline.it opera in qualità di broker e garantisce una totale imparzialità e autonomia rispetto a gruppi bancari e società finanziarie confrontati; il servizio è gratuito per il cliente, sono gli istituti finanziari convenzionati con PrestitiOnline che si fanno carico della commissione.