logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI

Redditometro: più controlli nei prestiti tra familiari?

14/08/2014

redditometro

Trasmettere somme di denaro sulla base di accordi verbali, come spesso accade tra familiari o amici, può diventare un problema ai fini fiscali.

Con i più recenti strumenti di accertamento, quali ad esempio il redditometro, effettuare giri di denaro senza una formale giustificazione può essere considerato evasione fiscale. Questo va contro il principio normalmente applicato ai prestiti infruttiferi, che di solito, proprio in virtù del fatto che si tratta di impegni di carattere “morale” e a favore di persone care, non vengono formalizzati.

Il punto è che in questo modo possono rientrare nei redditi imponibili non dichiarati: occorre pertanto dare  un riscontro ufficiale alle operazioni effettuate, anche nel caso di trasmissione di somme ai propri cari. Tanto più che nei processi nei tribunali le testimonianze di familiari e congiunti non vengono ammesse.

Evitare di incorrere in sanzioni non è così complicato: basta riuscire a documentare la provenienza delle somme confluite nella disponibilità del soggetto, al fine del sostenimento della spesa. Così facendo, il prestito infruttuoso non rientrerà tra i redditi imponibili ai fini IRPEF in quando considerato donazione.

E’ possibile regolamentare i prestiti tra familiari utilizzando una scrittura privata, corredata di firma dei soggetti interessati e “data certa” mediante registrazione presso l’Agenzia delle Entrate (occorre portare come documentazione uno scambio di corrispondenza con raccomandata con ricevuta di ritorno a cui è stata apposta la “data certa” presso un ufficio postale con firma elettronica dell’atto).

Va inoltre prestata attenzione, sia durante la concessione sia durante il rimborso, alle norme antiriciclaggio, in particolare rispettando i limiti legali per l’utilizzo di contanti. Anche in questo caso, sono sufficienti pochi accorgimenti per rispettare la normativa: la cosa più importante è utilizzare modalità di trasferimento dei fondi tracciabili e, al momento del rimborso del prestito infruttifero, effettuare versamenti con bonifico postale/bancario oppure assegni non trasferibili.

A cura di Alessia De Falco
Come valuti questa notizia?
Redditometro: più controlli nei prestiti tra familiari? Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Prestiti: tutto quello che c’è da sapere per non sbagliare pubblicato il 5 ottobre 2017
Sospensione rate prestito: come fare pubblicato il 27 luglio 2017
La grande ripresa del credito al consumo pubblicato il 11 settembre 2017
Prestiti: come calcolare l’importo da chiedere alla banca pubblicato il 15 marzo 2017
I prestiti più convenienti di dicembre pubblicato il 11 dicembre 2017
Numero verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI
Importo richiesto
 Euro
Durata del finanziamento
mesi
Finalità del finanziamento
Assicurazione
Anno di nascita
Tipo di impiego
Impiego attuale
Impiegato da
del
Domicilio
PrestitiOnline S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi presso OAM n° M18
Iscrizione R.U.I. sez. E n. E000497146 presso IVASS
P. IVA 06380791001 - Copyright 2000-2017
logo Gruppo MutuiOnline
PrestitiOnline S.p.A. fa capo a Gruppo MutuiOnline S.p.A., società quotata al Segmento STAR della Borsa Italiana
Per ulteriori informazioni, visita www.gruppomol.it
 
Protected by Copyscape DMCA Copyright Detector