logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo
PRESTITI PERSONALI PRESTITI AUTO CESSIONE DEL QUINTO CREDITI REVOLVING CONSOLIDAMENTO DEBITI GUIDE E STRUMENTI

Come ottenere liquidità: e se la banca dice no?

24/03/2014

hand moneyOttenere un prestito non è semplice come sembra a prima vista.
Eppure rivolgersi ad un istituto bancario per ottenere liquidità aggiuntiva rappresenta oggi per molti l’unica soluzione per poter realizzare un progetto o per acquistare un bene o un servizio necessari.

Ovviamente, con un occhio al portafoglio: i consumatori si orientano verso soluzioni che non prevedano rate troppo alte e che permettano di restituire il debito con tranquillità. L’erogazione del prestito da parte della banca non è così scontata: occorre infatti soddisfare tutte le condizioni specifiche poste dall’istituto.
Dietro un rifiuto si celano molteplici motivazioni: il richiedente potrebbe risultare un cattivo pagatore (il suo nome è presente nelle liste delle Centrali Rischi) o risulta essere sovraesposto perché nello stesso periodo ha  effettuate altre richieste di prestito. La ragione principale tuttavia resta quasi sempre la debolezza economica dell'utente e, di conseguenza, l’incapacità di garantire alla banca la corretta restituzione del debito.

Quali dunque le soluzioni se la banca dovesse rifiutare la nostra richiesta di prestito?
Non esiste una formula magica, ma sicuramente occorre seguire un modus operandi molto preciso perché la richiesta di prestito vada a buon fine.

Innanzitutto non richiedere più prestiti nello stesso periodo, per evitare di caricarci di un debito troppo oneroso da sostenere e di essere classificato come “cliente a rischio” dagli istituti.

In alternativa potremmo richiedere un prestito tramite la cessione del quinto del nostro stipendio oppure appoggiandoci ad un fideiussore o un coobbligato.
La prima soluzione è perseguibile da chi è pensionato o a chi ha un lavoro il più possibile sicuro: con la cessione del quinto la banca preleva la rata direttamente dalla busta paga o dalla pensione, mediante il datore di lavoro che tratterrà dallo stipendio la rata del prestito.

Qualora il rifiuto della banca fosse legato alla valutazione di un rischio troppo elevato, una possibile soluzione è la richiesta del prestito con la garanzia di una terza persona (garante appunto) che si impegna a risolvere il debito qualora non fossimo in grado di farlo personalmente. L’alternativa è individuare un coobbligato che fungerà da secondo intestatario del contratto per l'erogazione del prestito personale.
Laddove però le condizioni sussistono, le offerte sul mercato in questo momento sono particolarmente interessanti. Una rapida occhiata a PrestitiOnline.it vi aiuterà a individuare il prestito che fa al caso vostro, grazie alla comparazione dei migliori prodotti sul mercato.

A cura di Alessia De Falco
Come valuti questa notizia?
Come ottenere liquidità: e se la banca dice no? Valutazione: 2,3/5
(basata su 3 voti)
Segnala via email Stampa
Numero verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI
Importo richiesto
 Euro
Durata del finanziamento
mesi
Finalità del finanziamento
Assicurazione
Anno di nascita
Tipo di impiego
Impiego attuale
Impiegato da
del
Domicilio
PrestitiOnline S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi presso OAM n° M18
Iscrizione R.U.I. sez. E n. E000497146 presso IVASS
P. IVA 06380791001 - Copyright 2000-2017
logo Gruppo MutuiOnline
PrestitiOnline S.p.A. fa capo a Gruppo MutuiOnline S.p.A., società quotata al Segmento STAR della Borsa Italiana
Per ulteriori informazioni, visita www.gruppomol.it
 
Protected by Copyscape DMCA Copyright Detector