logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo

Prestito dipendenti

La definizione di prestito dipendenti può fare riferimento a diverse tipologie di finanziamento. Può trattarsi di un generico prestito non finalizzato che può essere concesso a lavoratori dipendenti, a tempo determinato o indeterminato, o a pensionati da parte di una banca o un altro istituto erogatore. Oppure può essere un finanziamento, solitamente a condizioni agevolate, accessibile tramite un datore di lavoro che stipula delle convenzioni con una banca in favore dei propri dipendenti che volessero accedere al finanziamento stesso.

Più comunemente l’espressione prestito dipendenti è utilizzata per riferirsi alla formula del prestito tramite cessione del quinto dello stipendio o della pensione. Si tratta di un prestito che consente al richiedente di rimborsarlo attraverso la propria busta paga: le rate di rimborso sono costanti e il loro versamento avviene attraverso la trattenuta dalla busta paga mensile del richiedente di un importo di massimo un quinto dell’ammontare della sua retribuzione mensile. In questo caso il periodo di ammortamento e i tassi di interesse applicati vengono stabiliti al momento della stipula del contratto e rimangono invariati per tutta la durata del prestito.

La formula della cessione del quinto, originariamente disponibile solo per i dipendenti pubblici, è stata estesa nel 2005 ai dipendenti privati e ad i pensionati: in quest’ultimo caso si parla più propriamente di cessione del quinto della pensione.

La cessione del quinto, prevedendo che l’importo della rata periodica di rimborso venga trattenuta direttamente dallo stipendio o dalla pensione del debitore, rappresenta una forma di prestito a maggiore garanzia teorica di solvibilità per l’istituto finanziante, in quanto la trattenuta ed il successivo versamento della rata sono effettuati da un soggetto terzo e non dipendono quindi dall’iniziativa e dalla regolarità del debitore. Per tale motivo spesso la cessione del quinto rappresenta una soluzione di finanziamento percorribile quando, ad esempio, il livello del merito di credito di un soggetto richiedente non venga valutato adeguato alla concessione di altre tipologie di prestito.

Gli istituti eroganti tengono comunque conto di tale profilo di rischio, per cui il tasso d’interesse e le condizioni applicate alla cessione del quinto risultano generalmente più onerose rispetto a quelle applicate ad un prestito personale di altro tipo.

Torna al glossario

Numero Verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI