logo PrestitiOnline.it
Altri marchi del Gruppo

Interessi usurari

Tasso di interesse considerato sproporzionato rispetto alla prestazione (di denaro o di altra utilità) fornita. La concessione di un prestito a un tasso usuraio può comportare effetti civili e penali.

Con la legge 108 del 1996 è stato stabilito che il tasso soglia venga definito trimestralmente dal Ministero delle Finanze e dell'Economia. A partire dal 2011 il tasso limite, ossia quello oltre il quale il tasso di interesse viene definito "usuraio", si calcola facendo riferimento ai tassi medi di mercato.

Gli interessi usurari indicano che sono stati applicati tassi eccessivi ad un finanziamento. Chi sottoscrive un finanziamento, si preoccupa soprattutto dell'ammontare degli interessi che vengono versati alla banca e conteggiati come percentuale sul capitale ottenuto in prestito. Il tasso di interesse varia in base al livello di rischio del cliente e al tipo di finanziamento, ma l'istituto di credito non può comunque mai applicare un tasso di interesse oltre la nota soglia di usura. Parliamo di un limite stabilito dalla legge oltre il quale i tassi vengono detti usurari.

A stabilire la soglia è la Banca d'Italia che andrà dunque a definire quelli che sono i tassi che costituiscono interessi usurari. La procedura viene effettuata ogni tre mesi su spinta del Ministero dell'Economia e dlele Finanze. Le verifiche riguardano il Tegm (tasso effettivo globale medio), ovvero il tasso annuale medio che le banche applicano per determinate categorie di operazioni di credito, come i mutui. In passato si usava il Tan (Tasso annuale nominale) come punto di riferimento per il confronto con il tasso di usura.

Il Tegm viene calcolato in base pure alle commissioni bancarie ma senza tener conto di imposte e tasse. Per stabilire quali siano gli interessi usurari, il Tegm viene aumentato del 25% e a questo vanno aggiunti altri quattro punti percentuali. Poi bisogna verificare che la differenza tra il risultato ottenuto e il tasso medio applicato al finanziamento non sia maggiore di 8 punti. Oltre questa soglia, gli interessi vengono considerati sproporzionati e non tollerabili da un cliente e per questo detti "usurari".

Ad essere soggette a normativa antiusura sono numerose operazioni. Ne citiamo qualcuna:

  • i crediti personali;
  • i crediti finalizzati all'acquisto a rate;
  • le aperture di credito in conto corrente;
  • i mutui;
  • il credito revolving con carte di credito;
  • le operazioni di leasing e factoring;
  • prestiti personali.

Torna al glossario

Numero Verde 800 97 97 90
PRESTITI PERSONALI